Boom dell’e-commerce nel fiscal year

Piquadro: i ricavi del quarto trimestre (+3,5%) invertono la rotta

L’esercizio fiscale chiuso il 31 marzo 2021 del Gruppo Piquadro risente pesantemente degli effetti della pandemia, ma l’ultimo trimestre (gennaio-marzo) inverte la rotta, grazie a un fatturato di 31,5 milioni di euro, in crescita del 3,5% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

Nei tre mesi l’unico marchio a subire un arresto nelle vendite è Piquadro, con 13,2 milioni di ricavi (-13,8%), anche se il canale e-commerce ha dato molte soddisfazioni (+19,5%).

Per The Bridge le entrate sono state pari a 5,2 milioni (+21,2%) con l'e-commerce a +52,5%, mentre Maison Lancel ha registrato ricavi per 13,1 milioni (+20,7%) con un exploit delle vendite online, a +286,8%.

Per l'intero esercizio fiscale, il fatturato del gruppo della pelletteria bolognese è stato di 113,5 milioni, in flessione del 25,4% rispetto all’anno precedente. Da evidenziare le ottime performance delle vendite online, cresciute complessivamente del 70,6%.

Analizzando i singoli business, il brand Piquadro si è fermato a 46,6 milioni di ricavi (-35,2%) mentre il canale e-commerce ha registrato un +21,1%, per The Bridge i ricavi sono stati di 19,3 milioni (-27,6%) con l’online a +70,2%, e Lancel ha registrato vendite per 47,6 milioni (-11,2%), con un e-commerce a +171,6%.

Marco Palmieri, presidente e a.d. del gruppo, ha sottolineato che «il calo del fatturato è stato pesantemente influenzato dalle dinamiche pandemiche». Tuttavia, «il segno più nel fatturato del gruppo nell'ultimo trimestre e i risultati soddisfacenti della campagna vendite per il prossimo autunno inverno sono un segnale positivo e ci auguriamo il preludio alla ripresa che tutti aspettano».



a.t.
stats