-11% alla Borsa di Parigi

Smcp (Sandro, Maje) fa il punto sull’impatto del Covid-19

Dall’ultima comunicazione del 29 gennaio, il management di Smcp - proprietaria di Sandro, Maje e Claudie Pierlot, quotata alla Borsa di Parigi - aggiorna a proposito degli effetti del coronavirus sui consumi cinesi, tra i maggiori clienti dei brand dell’azienda francese.

L’impatto a livello di ricavi e utili è «significativo» in Cina, mentre sta incidendo in misura minore a livello di acquisti dei turisti cinesi all’estero.

La società, guidata da Daniel Lalonde (nella foto), fa sapere di avere realizzato solide performance in Cina continentale nelle prime tre settimane di gennaio, ma che una parte rilevante dei negozi è stata temporaneamente chiusa nell’area, così come a Macao: «Una situazione che evolve di giorno in giorno, mentre i negozi aperti funzionano a orario ridotto».

«Posto che non possiamo prevedere la durata di questa situazione critica - dichiara Lalonde - abbiamo preso le misure necessarie per attenuarne l’impatto sulla nostra attività e restiamo fiduciosi delle nostre strategie, della forza dei nostri marchi e del loro potenziale in Cina».

Le parole del ceo non hanno rassicurato gli investitori: in chiusura di seduta il titolo Smcp segna un -11% alla Borsa di Parigi, mentre l’indice Cac40 scende dell'1,94%. Più contenute, sulla piazza francese, le flessioni dei grandi player del settore come Hermès (-0,392%) e Lvmh (-1,45%).

Un prossimo aggiornamento del management è in programma il 25 marzo, in occasione della presentazione dei risultati annuali, mentre slitta dal 2 aprile al 30 settembre 2020 la data del Capital Market Day.

e.f.
stats