Con l’accelerazione del secondo semestre

Moncler contiene il calo dei ricavi 2020 a un -12%

Moncler ha pubblicato i risultati annuali: i ricavi evidenziano un calo del 12% a 1,44 miliardi di euro (-11% a cambi costanti) ma emerge un recupero nella seconda parte dell'anno.

Infatti nel quarto trimestre il gruppo ha visto le vendite salire del 7% rispetto all’analogo periodo del 2019 a 675,3 milioni (+8% a cambi costanti).

A parità di negozi il fatturato annuale ha accusato un -18%, mentre limitatamente al secondo semestre la flessione è stata del 9%.

L'ebit annuale è sceso a 368,8 milioni, in diminuzione del 25% sull’anno prima, con un incidenza sui ricavi del 25,6%, dal 30,2% del 2019. Come fanno notare dall’azienda, nel secondo semestre il margine operativo è salito al 39,0%, oltre il 36,8% dello stesso periodo 2019.

L’esercizio è terminato con un utile di 300,4 milioni, dai 358,7 milioni precedenti, in diminuzione del 16%.

Il cda proporrà all'assemblea dei soci il pagamento di un dividendo di 0,45 euro per azione (in totale 113,7 milioni).

Le stime del consensus degli analisti fornite dalla società per il 2020 indicavano ricavi pari a 1,39 miliardi e profitti per 199 milioni.

Sulla scia dei risultati, il titolo Moncler segna uno dei maggiori rialzi di Piazza Affari: +5,4% a oltre i 53 euro per azione, in chiusura di seduta. Gli analisti di Ubs hanno confermato il giudizio Neutral portando il prezzo obiettivo a 51 euro dai 49 precedenti. Kepler Cheuvreux ha fissato il target price a 58 euro (da 44 euro) con raccomandazione Hold, la stessa di Equita che ha indicato un prezzo target di 50 euro.

Per il 2021 Moncler dice di voler mantenere una struttura organizzativa agile e flessibile proseguendo l’implementazione di una serie di strategie con forte focalizzazione sull’integrazione con la neoacquisita Stone Island: con il brand il gruppo intende spaziare nel “nuovo lusso”.

Attuare una strategia in chiave digitale, che porti alla contaminazione di tutte le divisioni, è un altro punto chiave in agenda. Nel 2021 Moncler vuole portare a termine l’internalizzazione del proprio canale e-commerce in tutti i Paesi in cui opera e lanciare un nuovo sito con un’experience completamente rinnovata.

In merito ai progetti distributivi, la società del Galletto intende continuare a sviluppare selettivamente i mercati chiave e consolidare la presenza su quelli core.

Resta infine il focus della sostenibilità, che sarà sviluppato attraverso cinque aree: cambiamenti climatici, economia circolare, catena di fornitura responsabile, valorizzazione delle diversità e supporto alle comunità locali (nella foto, un look della collezione Moncler 1952 donna disegnata da Veronica Leoni).

e.f.
stats