Concorsi

Isko e i giovani talenti del denim al Base di Milano

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la finale di Isko I-Skool, il contest riservato agli studenti che si sono sfidati per la conquista dei Denim Design e dei Marketing award. La quinta edizione del contest celebrerà i vincitori la sera dell'11 luglio al Base di Milano. Nuovi scenari per il denim, trasparenza e responsabilità le tematiche affrontate dai partecipanti.

Dedicato al talento dei giovani protagonisti del futuro, l'evento è focalizzato sulle possibilità creative e innovative che si aprono per il mondo del denim.

Sono 20 in totale i finalisti selezionati per il Denim Design Award, su un totale di 216 concorrenti da tutto il mondo, compresi Stati Uniti, Cina e Corea del Sud. A loro è stata chiesta una personale interpretazione del concetto di UnDocumented, che vuol dire immaginare e prevedere le regole non ancora scritte del futuro del denim, puntando a delineare nuovi scenari e opportunità.

Gli studenti che si contenderanno il podio sono Hanna Herva dalla Aalto University di Helsinki; Nikita Sugiyanti Dompig, studentessa dell'Amfi, l'Amsterdam Fashion Institute; Bingqing Ma e Rui Zhao, entrambi in arrivo dal Bift, Beijng Institute of Fashion Technology; Emi Harashima dal Bunka Fashion College di Tokyo; Jaeha Im e Undraa Chinzorig della Esmod fashion school di Seoul; Francesca Girardelli dello Ied di Milano.

L'elenco prosegue con Giulia Zubiolo e Michael Ruggiero dello Iuav di Venezia; Haeyeong Jeon, Lucila Nair Pieres e Riccardo Serravalle della sede di Firenze dell'Istituto Marangoni; Britini Campbell della Middlesex University di Londra; Maria Capellaro della Naba di Milano; Emily Starobrat della The New School Parsons di New York; Andrea Grossi del Polimoda di Firenze; Ashley Romasko del Savannah College of Art and Design; Zhuolin Cheng della Academy of Arts & Design della Tsinghua University di Pechino e Yi Luo, che studia alla Wuhan Textile University di Wuhan.

Altrettanto cosmopolita la shortlist del Marketing award, che ha chiesto di disegnare un marketing plan completo per marchi consumer già esistenti, più il lancio di una linea responsabile di abbigliamento e/o accessori. Elementi chiave della sfida sono la trasparenza e la responsabilità di un "ingredient brand model" e l'idea fondamentale legata a una visione responsabile e positiva del futuro.

Ne fanno parte Ren Chanjuan, Bi Ran, Zhong Yan, Chen Xingyin della Aadt Academy Of Art & Design della Tsinghua University di Pechino; Tang Xuanzi, Xu Yan e Cheng Liujie del Bift Beijing Institute of Fashion Technology di Pechino; Amelia Woolley della Marangoni di Londra; Femke Castermans e Amelie Sophie Amann dell'Amfi Amsterdam Fashion Institute; Cicily Frye, Alyssa Leach e Gina Claridge del Fidm Fashion Institute In Design and Merchandising di Los Angeles; Sunmin Park, Gina Paljusevic, Jane Choi di The New School Parsons di New York.

Ben rappresentate anche le scuole italiane, con Andrea Attilio Bruno, Marta Ginevra Schiavon e Eleni Elias della Marangoni di Milano; Juliana Akemi Masaoka e Marta Nunes Bernardo, Mario Ferrari Pereira e Bruna Giacomeli del Mfi Milano Fashion Institute di Milano; Melanie Pauli e Olivia Mariani dello Ied Istituto Europeo di Design di Milano; Anelle Taule della Marangoni di Firenze; Valeria Zito, Sara Droulez, Francesca Spalloni e Maria Giannone de La Sapienza Università di Roma; Ginevra Costagli e Alice Oretti del Polimoda di Firenze.

Nella foto, un momento della finale di Isko I-Skool dello scorso anno.

c.me.
stats