Confermate al rialzo le stime per l’anno

Usa, designer capsule e home décor trainano i risultati di Mytheresa nel fiscal year

I buoni risultati negli Stati Uniti, il lancio della nuova categoria Life di Home decor e tante capsule collection con etichette di prestigio sono tra i plus che sono valsi a Mytheresa un fiscal year 2022 in crescita double digit.

L’anno si è chiuso con vendite nette pari a 689,8 milioni di euro, in crescita del 12%, con una redditività record del 9,6% dell’ebitda margin rettificato e un Gmv in salita del 21,3% a 743,3 milioni di euro, del 66% a due anni e del 97,1% a tre anni.

L’utile lordo è aumentato del 23,7%, con una progressione di 460 punti base del margine operativo lordo al 51,5% rispetto al 46,9% dell'anno precedente. L’ebitda rettificato ha messo a segno un +20,7% a 66,3 milioni di euro, con l’ebitda margin rettificato che ha guadagnato 60 punti base al 9,6% rispetto al fiscal year precedente.

Numeri in salita anche nel quarto trimestre dell’anno fiscale, che ha visto il Gmv portarsi al +18,2% anno su anno a 196,7 milioni di euro, rispetto a 166,4 milioni nell’analogo periodo dell'anno precedente, e con le vendite nette in evoluzione del 7,7% su base annua a 174,8 milioni di euro.

Sale nel periodo anche l’utile lordo (+22,4%), con un aumento di 650 punti base del margine operativo lordo al 54,2% rispetto al 47,7% del periodo dell'anno precedente.

A dare slancio al business sono stati una serie di fattori. In primis gli ottimi risultati negli Stati Uniti, con una crescita del Gmv sopra la media negli Stati Uniti pari al +28% nel quarto trimestre.  

A premiare sono stati anche gli eventi organizzati in Europa e negli Usa e il lancio della nuova linea Life dedicata all’home decor e al lifestyle.

Last but not least, strategiche sono state le numerose capsule e i pre-lanci effettuati con etichette come Dolce & Gabbana, Dries van Noten, Pucci, Bottega Veneta, Gucci, Zimmermann e Valentino.

Alla luce dei risultati conseguiti la piattaforma digitale luxury, ora nel primo trimestre dell'intero anno che terminerà il 30 giugno 2023, conferma al rialzo le stime per l’intero esercizio e prevede che il Gmv si avvicinerà a un intervallo compreso tra 865 milioni di euro e 910 milioni di euro, con una crescita del 16%-22%. Le vendite nette dovrebbero essere di tra i 755 milioni e gli 800 milioni di euro, o una progressione del 10%-16%.

Ma di fronte allo scenario instabile la parola d’ordine è agilità, come spiega il ceo Michael Kliger (nella foto):«Abbiamo mostrato una forte crescita e redditività in un contesto di sfide economiche e geopolitiche. Rimaniamo molto fiduciosi che il settore del lusso digitale di fascia alta, combinato con il nostro modello di business, fornirà risultati eccellenti per i nostri investitori negli anni a venire. Ovviamente rimarremo molto agili nel reagire agli sviluppi esterni e al loro potenziale impatto sulla nostra attività».

c.me.
stats