dichiarazioni

Reeve (Cnmi): «Il digitale è una leva strategica per fare sistema»

Il digitale per raccontare e valorizzare storia ed eredità della moda made in Italy: è il messaggio lanciato da Jane Reeve, ceo della Camera Nazionale della Moda Italiana (Cnmi), intervenuta al convegno su “Made in Italy: re-use of fashion heritage and new digital perspectives”, organizzato dal Victoria and Albert Museum.

 

Nel corso dell’evento, organizzato in collaborazione con Europeana Fashion, nel contesto della mostra "The Glamour of Italian Fashion 1945-2014", Jane Reeve ha sottolineato come il digitale abbia creato innovative e innumerevoli opportunità per veicolare l'identità e i valori che da sempre identificano i grandi player della moda italiana. «Proprio questi brand - ha detto - che nel frattempo si sono trasformati in veri e propri editori, producendo contenuti sempre più sofisticati ed efficaci, sono stati tra i primi a comprenderne le grandi potenzialità e a utilizzarlo in modo strategico, per sviluppare il business, entrare in nuovi mercati e conquistare clienti».

 

Strumento democratico per eccellenza, il digitale ha aperto innumerevoli opportunità anche per le organizzazioni medio-piccole e i giovani designer «che l’hanno integrato nella loro strategia, quale strumento privilegiato di visibilità e comunicazione». Secondo l'a.d. della Cnmi è anche uno strumento che consente anche ai piccoli artigiani, di «emergere e di divenire attori di rilievo in uno scenario globale». Ha inoltre un ruolo fondamentale per la crescita, se si pensa all'impatto dell'e-commerce sul retail. 

«Diventa quindi una leva strategica - ha concluso - per fare sistema e contribuire all'evoluzione della reputazione del made in Italy, sviluppare sinergie, diffondere cultura e valorizzare l'intero sistema moda italiano».

 

stats