Dividendo da valutare nel secondo semestre

Leonardo Del Vecchio (EssilorLuxottica): «Vediamo i primi segnali di ripresa»

Si intravede la luce in fondo a quel tunnel chiamato Covid-19. «Vediamo i primi segnali di ripresa in tutte le aree del business» ha rassicurato Leonardo Del Vecchio, primo azionista e presidente esecutivo di EssilorLuxottica nel messaggio, scritto insieme al vicepresidente esecutivo Hubert Sagnieres, all'assemblea degli azionisti.

Del Vecchio ha sottolineato che il colosso dell'eyewear – nato dalla fusione tra l'italiana Luxottica e la francese Essilor – sta facendo «buoni progressi sul fronte dell'integrazione» e che due settimane fa è stato lanciato in Italia il primo prodotto completo: le montature a marchio Ray Ban dotate di lenti graduate Essilor.

Nel corso dell'assemblea è stata anche approvata la nomina di Paul du Saillant, ceo di Essilor International, come amministratore della società al posto di Laurent Vacherot, che ha lasciato la carica all'inizio dell'anno.

La decisione sul dividendo slitta invece nella seconda parte dell'anno, quando «si valuterà lo stato del business e l'efficacia delle misure adottate per affrontare la pandemia. Se la ripresa sarà sufficientemente solida, potrà essere proposto un dividendo eccezionale da porre in pagamento entro la fine del 2020».

Ora, come ha sottolineato Del Vecchio, le priorità per il gruppo sono due: «Continuare a gestire il business nel rispetto delle necessarie misure di salute e sicurezza per il nostro personale e i nostri clienti e al tempo stesso accelerare i piani di ripresa e cogliere nuove opportunità».

«Sono orgoglioso delle decisioni che abbiamo preso e di come il management e le persone all'interno del gruppo le hanno tradotte nelle nostre attività – ha concluso -. Di fronte alle avversità abbiamo dimostrato la nostra vera essenza».

a.t.
stats