Dopo il ritorno all’utile annuale

Marcolin cresce a due cifre nel quarter

Marcolin continua ad accelerare nel primo trimestre 2022. Dopo il +34% del fatturato messo a segno per l’intero 2021 (a 455,6 milioni di euro), nei primi tre mesi del 2022 il gruppo dell’eyewear ha registrato 129,8 milioni di euro di vendite, in aumento del 19,5% rispetto al primo quarter dell’anno prima.

A sostenere la crescita hanno contribuito soprattutto i mercati Emea (+19,8%), le Americhe (+17,9%) e il resto del mondo (+36,5%).

Tra gennaio e marzo l’ebitda adjusted è salito del 27%, a 18,2 milioni, che rappresenta un margine del 14% sulle vendite nette. Il risultato netto è stato di circa 4 milioni.

Il bilancio 2021, approvato ieri dall’assemblea dei soci, è terminato con il ritorno all’utile per la società proprietaria dei marchi Web Eyewear, Marcolin e Viva Si e licenziataria di brand come Tom Ford (nella foto), Guess, Moncler, Max Mara, Zegna e Tod's (per citarne alcuni). Si tratta di 153 milioni di euro di profitti che beneficiano della cessione delle quote detenute nel produttore di occhiali Thélios, joint venture con il gruppo francese del lusso Lvmh, che ora controlla tutta l’azienda.

Nell’anno l’ebitda adjusted di Marcolin ha superato i 50 milioni, quasi raddoppiati rispetto al 2020. L’ebitda margin adjusted, pari all’11% delle vendite nette, si è avvicinato ai livelli pre-pandemia.
e.f.
stats