e-commerce

Zalando rallenta nel secondo trimestre ma insegue Amazon con Zalando Zet

Zalando rallenta la sua corsa nel secondo trimestre e chiude il periodo con vendite preliminari tra 1,091 e 1,109 miliardi di euro, in crescita del 19-21% (rispetto al +23% del precedente quarter), mentre l’ebit è previsto tra 80 e 86 milioni di euro. Intanto lancia il guanto di sfida ad Amazon con il nuovo servizio Zalando Zet.

 

Nel primo semestre dell'anno il gigante tedesco dell'e-commerce, specialista in moda donna, uomo e bambino, prevede di raggiungere ricavi pari a 2,07-2,09 miliardi di euro, in aumento del 21-22% rispetto al 2016 (1,71 miliardi), con un ebit rettificato di 100-106 milioni di euro, corrispondente a un margine del 4,8-5,1%.

 

Nonostante l'andamento del secondo trimestre segni un rallentamento rispetto a quello precedente, il co-chief executive Rubin Ritter ha confermato di attendersi un incremento annuo pari al 20-25%, anche grazie al lancio di Zalando Zet, «un asset fondamentale per la crescita futura».

 

Zalando Zet è la nuova carta vincente sfoderata dal colosso made in Germany per competere con Amazon Prime: con un abbonamento annuale di 19 euro, Zalando assicura ai membri aderenti consegne più rapide, accesso prioritario alle promozioni e servizi personalizzati.

 

La fase di rodaggio toccherà centri come Berlino, Lipsia, Francoforte e Hannover, dove i clienti potranno testare il programma senza costi, prima di decidere se iscriversi o meno, per poi estendersi ad altre città tedesche.

 

Dopo la diffusione dei dati preliminari (quelli finali saranno pubblicati il 10 agosto), il titolo Zalando a metà mattinata ha segnato un ribasso del 7%, portandosi a quota 39,6 euro.

 

stats