E-COMMERCE IN CORSA CON UN +36%

Adidas: nel fiscal year utili +20%, ma l'outlook debole penalizza il titolo

Adidas archivia il 2018 con numeri in crescita, grazie a un fatturato salito a 21,9 miliardi di euro (+3% a cambi correnti e +8% a cambi costanti) e profitti lievitati del 20%, a quota 1,7 miliardi: «Vendite record, il margine più alto della nostra storia e un forte miglioramento dell'utile netto», commenta il ceo Kasper Rorsted (nella foto), che ha detto di confermare «la nostra ambizione finanziaria per il 2020».

L'outlook debole rispetto al 2019 ha generato però scetticismo in Borsa, con il titolo che in mattinata ha perso oltre il 5%: il colosso di Herzogenaurach ha infatti parlato di problemi legati alla catena di approvvigionmanento (senza andare nello specifico), che andranno a impattare sulle vendite nella prima metà del 2019, in particolare in America settentrionale.

Proprio gli Usa (+15%), insieme all'Asia Pacifico (+15%) - con Cina in testa (+23%) - e all'e-commerce (in volata con un +36% a 2 miliardi di euro), sono stati la locomotiva delle buone performance raggiunte nel 2018, in particolare per il marchio Adidas, che ha messo a segno un +4,5%, mentre Reebok ha subito una flessione del 3% rispetto all'anno precedente.

Meno in forma l'Europa, che rimane flat rispetto all'anno precedente, e i mercati emergenti, che arretrano del 3%.

Il margine lordo è cresciuto di 1,4 punti percentuali al 51,8%.

a.t.
stats