executive reshuffle

Lvmh: Beccari ceo di Dior, Toledano va al posto di Roussel

Pietro Beccari (a destra nella foto), attuale a.d. di Fendi, sarà chief executive officer di Christian Dior Couture al posto di Sidney Toledano (a sinistra), in carica dal 1994. Quest'ultimo diventerà executive chairman e ceo di Lvmh Fashion Group, ruolo attualmente affidato a Pierre-Yves Roussel, a cui viene affidato l'incarico di special advisor di Bernard Arnault.

 

La notizia della nomina di Beccari arriva dopo mesi di speculazioni seguite all'acquisizione a luglio da parte della famiglia Arnault del 94,22% della holding Christian Dior SE - tramite la quale Dior ha assunto il secondo posto tra i maggiori brand di Lvmh, dopo Louis Vuitton, mentre Fendi è terzo - ma il riassetto in casa Lvmh ha contorni ben più ampi.

 

Nella nuova veste di executive chairman del colosso d'oltralpe, Sidney Toledano coordinerà i responsabili dei marchi Céline, Givenchy, Kenzo, Loewe, Marc Jacobs, Emilio Pucci, Rossi Moda e Nicholas Kirkwood.

 

Quanto a Roussel, in qualità di special advisor del patron Bernard Arnault acquisirà anche responsabilità operative all'interno del comitato esecutivo dell'azienda, del quale fa parte da 14 anni.

 

Bernard Arnault ha rilasciato alcune dichiarazioni a proposito dei giri di poltrone annunciati oggi, 8 novembre, partendo da Pietro Beccari, «il cui ingresso ai vertici di Christian Dior Couture segna una nuova era, all'insegna di ulteriori successi». 

 

«Sidney Toledano - ha aggiunto Arnault - è la forza motrice dietro la grande affermazione di Christian Dior Couture nel mondo, attraverso un lavoro durato 25 anni in cui ha promosso l'eleganza e la modernità del brand, anche mediante un team di designer di talento». «La sua esperienza - ha aggiunto - sarà preziosa nella nuova fase».

 

Infine, Pierre-Yves Roussel, di cui il numero uno di Lvmh ha riconosciuto «l'eccellente operato», soprattutto nella selezione dei migliori talenti creativi e nella messa a punto di strategie innovative.

 

Tutte le nomine saranno effettive dall'inizio del 2018. Non si sa nulla, per ora, del successore di Beccari da Fendi.

 

Con l'ingresso di Pietro Beccari, una coppia tutta italiana arriva alla guida della griffe disegnata da Maria Grazia Chiuri, arruolata allo stile nell'estate 2016, prima donna a guidare il luxury brand in 70 anni di storia.

 

Beccari ha iniziato la sua carriera nel lusso nel 2006 a fianco di Yves Carcelle da Louis Vuitton, dopo esperienze da Benckiser, Parmalat ed Henkel.

 

Prima di passare a Fendi, dove è approdato a inizio 2012, ha contribuito al rilancio di Berluti, altro marchio nell'orbita del gruppo guidato da Bernard Arnault.

 

 

stats