filati

Eastman lancia il marchio "green" Naia

Lo specialista americano Eastman lancia il marchio Naia, con l'intento di imporlo nel mercato dei filati green (proviene dalla fibra del legno) per l'abbigliamento.

 

Presentato al salone Interfilière Paris, che si è svolto alle Porte de Versailles dal 21 al 23 gennaio scorsi, il nuovo materiale punta sul mercato in grande ascesa dell'athleisure.

 

«Il comfort è il fiore all'occhiello di Naia, una delle migliori fibre industriali in questo segmento di mercato», dice Jeroen Jacobs, global director della divisione Textile Fibers di Eastman, arrivato a Parigi per illustrare il nuovo prodotto agli addetti ai lavori europei.

 

Questo filato permette di realizzare tessuti e capi di abbigliamento lussuosi e confortevoli. Il marchio garantisce inoltre le prestazioni che i consumatori cercano nella biancheria intima e nella lingerie: gestione dell’umidità, freschezza al tatto e praticità. I tessuti realizzati con Naia si liberano facilmente delle macchie più resistenti (vino, caffè, eccetera). Non si stropicciano e sono lavabili in lavatrice.

 

La prima collezione di tessuti a maglia con Naia è stata realizzata con la collaborazione di un fornitore americano, Bella Fabrics: «Stiamo già lavorando in America con alcuni marchi, che hanno scelto il nostro materiale per le loro collezioni. Ora anche in Europa il nostro sforzo principale sarà farci conoscere fra le aziende. In particolare, date le caratteristiche di Naia, ci attendiamo un importante riscontro nel mondo in espansione dell'athleisure».

 

 

stats