fiscal year

Gruppo Tod's: ricavi in calo, ma il 2018 potrebbe essere l'anno della svolta

Sono stati pari a 963,3 milioni di euro (-4,1% a cambi correnti e -3,1% a cambi costanti, per un totale di 973,4 milioni) i ricavi consolidati del Gruppo Tod’s secondo il bilancio preliminare del 2017: una cifra leggermente più bassa rispetto al consensus Thomson Reuters, che indicava 965 milioni.

 

Già nel 2016 si era registrata una flessione del -3,2%. «Risultati in linea con le attese» commenta il patron Diego Della Valle.

 

Sul mercato domestico il fatturato è stato di oltre 298 milioni di euro (-4,3% a cambi correnti), un risultato che evidenzia l'impasse del canale wholesale, soprattutto nelle città di provincia.

 

245,1 milioni è la cifra relativa al resto d'Europa, pressoché stabile sul 2016, grazie alla tenuta del retail. Tonfo del 19,1% a cambi correnti nelle Americhe, con vendite intorno ai 78 milioni.

 

In lieve incremento (+0,8%) la Greater China, a quota 212 milioni. Della Valle non drammatizza e fa notare che nell'ultima parte dell'anno si è verificato un miglioramento - attestato da un turnover di 241,1 milioni nel quarto trimestre, sempre in lieve contrazione ma in progress se confrontato con l'analogo periodo del 2016 -, con la prospettiva di un 2018 all'insegna della transizione.

 

L'imprenditore marchigiano confida nel secondo semestre, quando si vedranno gli esiti di strategie focalizzate su nuovi format dei negozi, un progetto di pop up store e l'avanzata dell'e-commerce, che sta progredendo a doppia cifra. Dietro la possibile svolta c'è una squadra rinnovata ai vertici, a partire dal co-ceo Umberto Macchi di Cellere, ex Bulgari cooptato a inizio novembre.

 

«Riteniamo che, con la stagione invernale,la nostra struttura produttiva potrà essere considerata finalmente a regime e ai massimi livelli qualitativi, pronta a soddisfare una domanda che ci aspettiamo sempre maggiore - puntualizza Della Valle -. Penso che possiamo pensare al futuro in modo molto positivo».

 

Tra i brand, nel fiscal year 2017 cala Tod's (-7,7%) e soffre anche Hogan (-4,8%), mentre tiene Fay (+1,4%) e dà soddisfazioni Roger Vivier (+7,8%, con quasi 180 milioni di ricavi). 

 

Alla voce categorie merceologiche, la parte del leone spetta sempre alle calzature, con un giro d'affari di quasi 758 milioni di euro, che però si riduce del 4,2%, così come arretra il settore pelletteria e accessori, che totalizza 135,8 milioni (-4,7%). L'abbigliamento, che incide sulle vendite per 68,7 milioni, segna un rialzo dello 0,5% (nella foto da Instagram, borse Roger Vivier per l'estate 2018).

 

 

stats