sempre in auge i nomi di rosso e plein

Roberto Cavalli: una decina di potenziali investitori

Sarebbero una decina le offerte per l’ingresso nel capitale della Roberto Cavalli, controllata dal fondo Clessidra, come riporta la stampa finanziaria.

Nell’autunno era trapelata la notizia che Clessidra - che attraverso il veicolo Varenne ha in mano il 90% del marchio fiorentino - aveva dato mandato a Rothschild di esplorare le possibilità di ingresso di un partner di minoranza.

Ora si vocifera di una decina di potenziali investitori fra gruppi imprenditoriali e fondi di investimento. Alcune settimane fa è circolato il nome di Renzo Rosso, patron di Diesel e a capo della holding Otb ma, stando a indiscrezioni, anche Philipp Plein avrebbe interesse per Cavalli. Inoltre sarebbe alla ricerca di un partner finanziario, per la quale avrebbe incaricato Mediobanca.

Clessidra ha raggiunto il controllo della Roberto Cavalli nel 2015 e sta tentando di rilanciare il brand e portare i conti in ordine sotto la direzione di Gian Giacomo Ferraris (arrivato nel 2016).

Il ritorno all’utile è stato prospettato nel 2019, mentre un obiettivo del 2018, i cui dati di bilancio non sono ancora noti, è il raggiungimento della redditività a livello operativo. Nel 2017 i ricavi erano a 152,4 milioni di euro (-1,8% rispetto al 2016) mentre l’ebitda era negativo (-7,1 milioni), ma in miglioramento sull'esercizio precedente (-26,2 milioni).

Non si sa se quello di Clessidra sarà un disinvestimento totale o parziale. Lo stilista-imprenditore Roberto Cavalli ha in mano il 10% dell’azienda (nella foto, lo store Roberto Cavalli aperto questa estate a Berlino).

e.f.
stats