Food extension

Louis Vuitton aprirà un caffè e un ristorante nella nuova maison di Osaka

Foto sfilata di Louis Vuitton

L’ospitalità è di casa per Louis Vuitton, ora anche il marchio di Lvmh approda nel food&beverage con il suo primo caffè-ristorante situato al quarto e ultimo piano della nuova boutique di Osaka, progettata dall’architetto Jun Aoki, che aprirà il 1 febbraio.

Secondo Michael Burke, presidente e amministratore di LV, lo sbarco nel mondo della ristorazione è in linea con la strategia del gruppo, che mira a conquistare i clienti attraverso una shopping experience sempre più coinvolgente e completa.

Le Cafè V e il V Resturant, che apriranno le porte i 15 febbraio, comprendono una terrazza e un bar accanto al quale si trova Sugalabo V, uno spazio esclusivo che serve solo la cena attraverso una cucina aperta che rispecchia il ramo di Sugalabo a Tokyo. Il menu inoltre sarà a cura del famoso chef giapponese Yosuke Suga.

Come si legge su Wwd, secondo il recente Altagamma Worldwide Luxury Market Monitor di Bain & Co, la spesa per cibo e cucina gourmet è cresciuta del 6% nel 2019 a cambio costante, superando i beni di lusso personali, che hanno registrato un aumento del 4%. Dati, quindi, che confermano e consolidano il business plan di Lvmh.

Per quanto riguarda le espansioni dal sapore luxury experience, infatti, ci sono stati e sono in previsione altri sviluppi gemelli all’interno del gruppo guidato da Bernard Arnoul. Tiffany per esempio ha aperto nel 2018 il Blue Box Cafe sulla Fifth Avenue, mentre Dior sperimenterà la coppia fashion-food  quando la maison di Avenue Montaigne sarà restaurata.

 

c.bo.
stats