Grandi aspettative dai Millennials

Gruppo Zegna: 2018 stabile a 1,15 miliardi, ma il 2019 sarà migliore

Un fatturato a quota 1,159 miliardi di euro (+0,4% a cambi costanti e -2% a cambi correnti), un ebitda pari a 143 milioni (12,3% delle vendite) in lieve crescita e un utile netto di 34 milioni, in progress del 4%: per il gruppo Ermenegildo Zegna il 2018 è stato all'insegna della stabilità, ma con migliori prospettive per il 2019, quando verrà consolidata in bilancio l’acquisizione di Thom Browne e si vedranno i frutti della new brand strategy, oltre che del rafforzamento dell’omnichannel.

«Il 2018 - ha commentato Gildo Zegna (nella foto), amministratore delegato del gruppo - è stato un anno fortemente condizionato dal generale rallentamento dell’economia internazionale e, in particolare, dalla debolezza degli acquisti in Europa. Valuto perciò positivamente, in quel contesto, l’aver confermato e consolidato i risultati operativi e reddituali dell’esercizio precedente».

L'anno scorso Zegna ha rilevato l'85% del marchio Thom Browne, un'operazione interamente finanziata con risorse proprie, «una scelta - ha sottolineato l'a.d. - di cui sono particolarmente contento e orgoglioso. Nel 2019, anche grazie al consolidamento dei risultati del brand newyorchese, avremo risultati sicuramente migliori».

L'azienda di Trivero, il cui export incide per oltre il 90% sul totale delle vendite, conferma l'intenzione di accrescere il proprio appeal sulla generazione dei Millennials. «Questo - ha proseguito il ceo - grazie anche al rafforzamento della new brand strategy, che sta favorendo l’ampliamento della clientela e, conseguentemente, l’aumento delle occasioni d’acquisto.

Sempre nell'anno in corso Zegna gruppo si prepara al lancio di un e-store su Tmall Luxury Pavillon (piattaforma del colosso Alibaba dedicata alla griffe di alta gamma), che ospiterà le collezioni Ermenegildo Zegna XXX, ready to wear, pelletteria e accessori, rendendo lo shopping online sempre più completo per i clienti cinesi.

«Con il lancio della presenza su Farfetch, Wechat e Tmall, ovvero su importanti canali di vendita digitali - conclude Gildo Zegna – prosegue il rafforzamento dell’omnichannel, che ci consente di offrire servizi sempre più personalizzati e tempestivi nei negozi e di ottimizzare le attività dei nostri poli produttivi specializzati».

Un dialogo tra online e offline che segnerà le nuove aperture monomarca previste per il 2019: a New York sulla 57th Street, a Istanbul (Emaar) e nel New Jersey (Riverside).

A questi opening si aggiungono i rinnovi di alcuni dei 480 negozi monomarca nel mondo, come quelli di Palo Alto, San Paolo (Iguatemi), Dubai (Dubai Mall) e Pechino presso il China World.

Il Gruppo Ermenegildo Zegna intende inoltre destinare, anche nell'esercizio 2018, oltre il 5% degli utili a sostegno di progetti culturali, di aiuto alle comunità locali e di difesa dell’ambiente, con l’Oasi Zegna e la Fondazione Zegna come best practice di riferimento.

c.bo.
stats