i ricavi 2019 a 607 milioni (+9,9%)

Cucinelli: «Ci attendiamo un 2020 di bella crescita del fatturato e dell’immagine»

Nella giornata inaugurale di Pitti Uomo, dove tradizionalmente è presente con lo stand più grande e affollato, Brunello Cucinelli ha diffuso i numeri preliminari del 2019, con stime ottimistiche per il 2020.

L'anno scorso il gruppo del lusso ha registrato ricavi netti a 607 milioni (+9,9% a cambi correnti e +8,6% a cambi costanti rispetto al 2018).

A spingere al rialzo i dati dell'anno appena chiuso sono stati i mercati internazionali, che hanno registrato un aumento medio delle vendite dell'11,4%, mentre la crescita del mercato italiano è stata dell'1,9%, con un turnover pari a 89,9 milioni (14,8% sul totale), rispetto ai 88,2 milioni dello scorso anno.

Il gruppo ricorda importanti investimenti a sostegno del brand all'interno del piano triennale 2019-2021, pari a circa 53 milioni nel 2019, con un indebitamento finanziario netto di circa 30 milioni al 31 dicembre scorso.

«Visto l'ottimo sell out dell'autunno-inverno passato, la bella raccolta di ordini in casa della collezione primavera estate 2020 e la molto favorevole partenza delle collezioni del prossimo autunno-inverno, lavorando con serena tranquillità ci attendiamo un 2020 di bella crescita del fatturato, dei profitti e dell'immagine», commenta il presidente e amministratore delegato Brunello Cucinelli (nella foto, due look della nuova collezione FW20/21). 

  

an.bi.
stats