il gruppo si appella al chapter 15

Arcadia chiuderà gli store Topshop/Topman negli Usa

Il Gruppo Arcadia si è appellato al Chapter 15 del Codice Fallimentare americano - che si focalizza sulle insolvenze straniere - per presentare istanza di fallimento negli Stati Uniti, con la conseguente chiusura di tutti gli 11 store Topshop e Topman attivi sul mercato a stelle e strisce. Le dismissioni potrebbero iniziare già questo weekend.

La notizia è stata lanciata da The Wall Street Journal. Una mossa che permetterebbe al retailer guidato da Sir Philip Green, nella cui orbita gravitano anche insegne come Wallis e Miss Selfridge, di concentrarsi sul mercato domestico, dove i guai non mancano: 23 dei 566 negozi del gruppo tra Inghilterra e Irlanda sono in procinto di abbassare la saracinesca.

Secondo i media, lo stop all'attività negli States mette a rischio il posto di circa 500 dipendenti, ma c'è chi dice addirittura 800.

The Independent riporta il commento del ceo di Arcadia, Ian Grabiner. «Si tratta di decisioni pesanti ma necessarie - afferma - in un momento in cui cambiano le abitudini dei consumatori e cresce la competizione online. Abbiamo preso in considerazione tutte le possibili opzioni strategiche per riportare il gruppo a una situazione finanziaria stabile». Sicuramente non ha aiutato la travagliata vicenda Brexit, fattore determinante per le dimissioni odierne del primo ministro Theresa May (nella foto da Instagram, modelli Topshop).

A cura della redazione
stats