Il titolo recupera in borsa

A Safilo non risulta un interesse da parte di Kering

Il colosso francese Kering non sarebbe interessato a rilevare Safilo, secondo quanto risulta al produttore di occhiali.

Come riporta Reuters, lo afferma una portavoce del gruppo di Padova in merito a indiscrezioni di stampa riportate oggi dalla carta stampata.

«Non ci risulta. Non abbiamo segnali di interesse per rilevare la società», ha dichiarato all’agenzia di stampa. «Con Kering - ha aggiunto - abbiamo un accordo che scade nel 2020 per produrre per conto loro una parte del loro prodotto di occhialeria».

L’ipotesi di un’acquisizione sta riportando l’attenzione degli investitori sul titolo Safilo, che in mattinata a Piazza Affari registra un +7%, sfiorando la quotazione di 1 euro (-21,8% la performance a un anno).

Il gruppo Kering, che con i suoi brand del lusso in passato è stato un partner importante per Safilo, dal 2014 sta via via ridimensionando i legami con il gruppo italiano perché in quell’anno ha costituito una propria azienda dedicata agli occhiali, Kering Eyewear, che e arrivata a occuparsi del design, sviluppo e distribuzione dell’occhialeria di 15 brand tra quelli di proprietà (Gucci, Saint Laurent, Balenciaga e Bottega Veneta, per citarne alcuni) e altri relativi a un accordo con il Gruppo Richemont (come Cartier, Alaïa e Montblanc).

Nel primo semestre 2019 Kering Eyewear ha totalizzato 320,8 milioni di euro di ricavi, contribuendo ai ricavi consolidati del gruppo per 259,4 miliardi (+20,7% rispetto a 12 mesi prima e a periodi comparabili).

e.f.
stats