imminente la firma

Stefanel a Ovs: un deal da 3,2 milioni di euro

Manca poco alla firma dell'istanza di autorizzazione del passaggio di Stefanel a Ovs: un'operazione del valore di 3,2 milioni di euro.

Secondo quanto emerso dal tavolo ministeriale alla presenza dell'assessore regionale al Lavoro del Veneto, Elena Donazzan, di Mattia Losego dell'Unità di crisi aziendali, dei rappresentanti sindacali e del commissario straordinario, si parla di 94 lavoratori su 136 da assorbire e, a livello distributivo, di 23 negozi su 27 per i quali si profila il mantenimento dell'attività.

Niente da fare però per il flagship milanese in Galleria Vittorio Emanuele, che occupa 13 dipendenti e che risulta già chiuso definitivamente.

Per Elena Donazzan quello di oggi è stato «un tavolo positivo, soprattutto per quanto riguarda la manifestazione di interesse vincolante presentata da un altro gruppo aziendale veneto, quale è Ovs».

Donazzan sottolinea le «caratteristiche produttive ben definite del potenziale acquirente, molto distanti dai fondi speculativi che nel passato, purtroppo, hanno smantellato marchi legati alla traduzione produttiva e al territorio del Veneto».

«Ora però - aggiunge - è necessario approfondire con Ovs quale sarà il piano industriale, per aver chiari tutti gli aspetti di valorizzazione futura di Stefanel».

Per quanto riguarda i lavoratori che non rientreranno nel nuovo assetto, «la Regione Veneto - conclude l'assessore - si è resa disponibile ad attivare strumenti di politica attiva, condizione necessaria per l'accesso alle misure di sostegno al reddito per i prossimi mesi e per avere il tempo di comprendere i futuri scenari di sviluppo aziendale».
A cura della redazione
stats