imprenditori tessili

Silvio Albini e l'impegno per la sostenibilità: l'omaggio di Striscia

Una delle ultime interviste (probabilmente l'ultima) rilasciate da Silvio Albini, prematuramente scomparso a 61 anni, è stata quella a Cristina Gabetti di Striscia la Notizia, registrata venerdì 19 gennaio e trasmessa il 27, pochi giorni dopo la morte del "Cavaliere del tessile". «Questo servizio - ha detto la giornalista - vuole essere un omaggio alla memoria di un imprenditore illuminato».

 

Titolare della rubrica Occhio al Futuro nella trasmissione di Canale 5, dedicata ai temi dell'ecologia e dell'ambiente, Cristina Gabetti ha intervistato il presidente di Albini Group - nominato Cavaliere del Lavoro nel 2015 e in passato alla guida di Milano Unica­­ - a proposito del suo impegno nella sostenibilità, un argomento particolarmente sentito quando si parla di cotone.

 

«Come è noto - ha esordito Gabetti - nel mondo il 50% dei vestiti e dei tessuti contiene cotone, una fibra che nella sua lunga filiera inquina tantissimo. Siamo in un'azienda che ha deciso di ridurre il suo impatto ambientale».

 

«Più in generale - ha fatto notare Albini, a capo di una realtà il cui core business sono appunto i tessuti in cotone, soprattutto per camiceria - va detto che l'industria tessile è la seconda inquinatrice al mondo, dopo quelle del carbone e del petrolio. Ma qualcosa si può fare e noi non ci siamo tirati indietro».

 

L'imprenditore ha ricordato che, grazie a un impegno step by step, il Gruppo Albini è riuscito a raggiungere un risparmio annuale di 8 milioni di kWh di energia elettrica e di 46mila metri cubi d'acqua, «l'equivalente di 10 piscine olimpioniche», anche grazie a una tintoria di ultima generazione.

 

«Un lavoro di miglioramento continuo - ha proseguito - che sta cominciando a premiarci con un maggiore interesse da parte dei marchi e dei consumatori finali, sempre più sensibili su questi argomenti».

 

«Recentemente - ha concluso - abbiamo presentato la nostra esperienza sia sulle materie prime che sul prodotto finito a uno dei nostri maggiori clienti americani: è stato un grande successo».

 

Un impegno che ora passa ai successori in azienda di Silvio Albini, che partono già da una base solida per poter alzare l'asticella su una qualità responsabile.

 

stats