In arrivo gli accessori e focus sulla Russia

Skills&Genes cresce nell'offerta e accelera sulla distribuzione

«L'offerta è sempre più focalizzata e di qualità: il progetto ha vissuto una vera rivoluzione, offrendo molte più opportunità di prima». Con queste parole Davide Muto riassume due stagioni di lavoro insieme al socio Graziano Salvagno sullo sviluppo di Skills&Genes, brand che fa capo a Golden Season, l'azienda bresciana famosa per il marchio maschile At.P.Co.

 

I due consulenti hanno messo a punto un business plan pluriennale, che prevede una crescita organica di tutti i settori merceologici (le calzature e gli accessori sono in arrivo dalla stagione autunno-inverno 2022/23) e una strategia distributiva, basata su boutique di fascia medio alta, che dovrà portare a raggiungere 400 punti vendita in Italia e 200 all'estero.

 

«La base da cui partiamo - sottolinea Muto - è una fanbase di 250 clienti in Italia più un centinaio all'estero, ma stiamo completamente reimpostando la politica distributiva con nuovi agenti e con un focus speciale su mercati che stanno dando ottimi segnali come la Russia, il Benelux e la Svizzera».

 

La collezione, disegnata da due creative donne, Luciana Provezza e Gea Fanelli, è composta da circa 150 pezzi, comprende molta maglieria, loungewear, denim con diverse vestibilità e lavaggi e outerwear «con la nostra offerta presidiamo le prime 18 ore della giornata, con la parte evening che è ancora secondaria ma potenzieremo», dice Muto a proposito del brand.

 

Dopo l'ultima campagna vendita, il fatturato di Skills&Genes si è attestato intorno ai 3 milioni, con l'obiettivo di raggiungere in un paio di stagioni i 4,5 milioni. Una forte spinta alle vendite arriverà da maglieria (inverno) e abiti (estate).

 

«Un obiettivo ambizioso, ma alla nostra portata - commenta Muto -. Lanceremo presto anche una serie di capsule collection e colab».

an.bi.
stats