In base a indiscrezioni

Claudio Del Vecchio penserebbe alla valorizzazione di Brooks Brothers

Secondo rumors che circolano nel mondo della moda e del private equity, Claudio Del Vecchio, a cui dal 2001 fa capo il brand storico statunitense Brooks Brothers, sarebbe seriamente intenzionato a mettere sul mercato la label fondata nel 1818 a New York, che oggi conta 480 punti vendita nel mondo.

 

Come rivela Mf Fashion, anche se non è stato dato alcun mandato formale ad advisor per l'operazione, sembra che diversi fondi di investimento di matrice anglosassone abbiano già visionato il dosser, appprodato anche presso alcuni gruppi che operano nel settore.

 

Nell'esercizio fiscale 2017 il marchio aveva un giro di affari consolidato di 1,07 miliardi di dollari, con perdite per 69 milioni di dollari. La filiale europea capitanata da Luca Gastaldi, che opera in Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Austria e Germania, ha chiuso il fiscal year 2017-2018 con ricavi per 67,67 milioni di euro, rispetto ai 58,37 del precedente, con un utile di 212mila di euro, in calo rispetto ai 721mila dell'anno precedente, con un patrimonio netto di 39,36 milioni

 

Promogenito di Leonardo Del Vecchio, Claudio Del Vecchio detiene una quota del 12,5% della holding lussemburghese Delfin. Un'analoga percentuale è detenuta dagli altri eredi, Marisa, Paola, Leonardo Maria, Luca e Clemente, mentre il rimanente 25% è in capo al fondatore di Luxottica, nonché socio principale e presidente esecutivo di Essilux

 

A cura della redazione
stats