In accelerazione Usa e Asia

Lvmh: +32% i ricavi del primo trimestre

Dopo vari trimestri in calo Lvmh torna a crescere: +32% nel primo trimestre del 2021 a 14 miliardi di euro (+30% l'aumento a cambi e struttura comparabili).

Un valore che va oltre il consensus degli analisti, che si aspettavano la cifra di 12,67 miliardi, dopo i 10,6 miliardi del primo trimestre 2020 (fonte: FactSet).

Come fanno sapere dal gruppo francese del lusso, tutte le aree di business hanno contribuito alla ripresa eccetto il retail selettivo, che sconta gli effetti delle limitazioni ai viaggi.

Il quarter risulta anche in incremento rispetto al primo trimestre del 2019: +8% a periodi comparabili.

Il business maggiore, quello della moda e degli accessori, ha raggiunto i 6,7 miliardi di vendite, con una crescita organica del 52%. Senza fornire, come di consueto, numeri precisi, il gruppo parla di performance notevoli per Louis Vuitton, di un eccellente inizio d’anno per Dior e di grande successo delle creazioni di Hedi Slimane per Celine (nella foto, un look della SS2021). Loewe continua positivamente l’espansione delle linee ideate da J.W. Anderson e di Marc Jacobs si sa che sta performando molto bene.

Tra gli altri business, nel trimestre salgono del 36% i vini e i liquori e del 35% gli orologi e i gioielli. Profumi e cosmetici mostrano un +18%, contro il -5% del selective retailing.

A livello di mercati risultano in forte crescita gli Usa e l’Asia, mentre l’Europa resta influenzata dalla crisi legata ai lockdown e all’assenza di turismo.

Per rafforzare la sua leadership nel segmento lusso Lvmh intende agire su tre fronti: motivazione dei team, diversificazione delle attività e bilanciamento geografico dei ricavi.   

e.f.
stats