indiscrezioni

House of Fraser: aria di cessione da un proprietario cinese all'altro

Nanjing Xinjiekou Department Store Co., proprietario di House of Fraser, sarebbe in procinto di vendere la sua partecipazione di maggioranza a Wuji Wenhua, azienda il cui core business è il turismo.

 

La notizia, non ancora ufficializzata, circola con sempre maggiore insistenza sul web. Il player cinese aveva acquisito quattro anni fa l'insegna britannica tramite il proprio principale azionista Sanpower Group, in un deal che aveva valutato la catena 450 milioni di sterline, debiti inclusi.

 

L'intenzione era quella di investire nell'internazionalizzazione del department store ma l'unico opening estero di rilievo è stato quello, due anni fa, di un negozio a Nanjing. Un progetto di più ampio respiro, battezzato Oriental Fraser, non ha mai visto la luce.

 

Nel frattempo House of Fraser ha fatto sempre più fatica a fronteggiare la concorrenza - in particolare gli e-tailer - e a tamponare gli effetti del calo del 7% della sterlina sul dollaro e del 14% sull'euro, verificatosi dopo la Brexit.

 

Nemmeno le vendite natalizie hanno dato ossigeno al retailer, che nella holiday shopping season ha riportato un calo delle vendite di poco meno del 3%.

 

Tra l'altro Mick Ashley, che detiene una quota di minoranza in House of Fraser, ha accresciuto la propria partecipazione in Debenhams: una mossa che ha scatenato voci sulla sua possibile intenzione di rilevare quello che viene considerato un competitor diretto del brand, fondato nel 1849 in Scozia e sinonimo di una sessantina di punti vendita.

 

stats