a settembre l'assemblea con i creditori

Travel retail e pop-up store la ricetta per la ripresa di Gas: si inizia con Roma Termini

Travel retail e pop-up store: questa la ricetta di Gas per ripartire dopo la fase acuta dell'emergenza sanitaria. Un progetto che inizia dalla stazione di Roma Termini con un temporary shop, realizzato in collaborazione con Grandi Stazioni Retail.

Come spiega il brand di casa Grotto, lo store punta ad accogliere i passeggeri diretti o in transito a Roma (160 milioni l'anno in tempi pre-Covid), ma anche i romani che vivono la stazione come un centro commerciale: un punto di riferimento per lo shopping della capitale, con 50mila passaggi al giorno anche durante il lockdown.

L'opening romano, attivo fino al termine dell'estate e con la possibilità di prolungare nei mesi autunnali, rappresenta il primo step di un progetto a più ampio raggio, che punta a portare il marchio di jeanswear nelle principali stazioni italiane.

Contemporaneamente il brand dal doppio arcobaleno è impegnato nella riapertura di tutti i suoi punti vendita sul territorio nazionale, ma anche di quelli in Ungheria e Repubblica Ceca.

In India, altro mercato chiave con quasi 70 punti vendita dove la riapertura del canale fisico non avverrà prima del 31 maggio, l'azienda ha sviluppato una piattaforma e-commerce per rispondere alla domanda locale. Una strategia che è stata adottata anche nel mercato ungherese.

Nata nei primi anni Settanta su iniziativa di Claudio Grotto a Chiuppano (Vicenza), l'azienda sta vivendo un momento delicato: a settembre è prevista l'assemblea dei creditori, che dovrà esprimersi sul progetto di salvataggio messo a punto da Cristiano Eberle, amministratore unico della società, che da ottobre è in concordato sotto il Tribunale di Vicenza.

a.t.
stats