Ipo a Milano

Nice Footwear debutta in Borsa il 18 novembre

La domanda di azioni supera l’offerta, così Nice Footwear chiude il book alle 17 di oggi, 8 novembre 2021, in anticipo di due giorni rispetto a quanto fissato inizialmente, nell’ambito del percorso di quotazione sul mercato Euronext Growth Milan (dedicato alle Pmi, prima noto come Aim).

Come fanno sapere dell’azienda vicentina, specializzata nella produzione e distribuzione di scarpe sportive con marchi propri e in licenza (nella foto, un modello Ellesse), l’inizio delle negoziazioni alla Borsa di Milano è previsto il 18 novembre.

«La chiusura anticipata del book-building è conseguenza del riscontro molto positivo ricevuto dagli investitori sull’azienda e le sue prospettive di sviluppo – commenta il fondatore, socio unico, presidente e ceo Bruno Conterno -. Il nostro obiettivo, attraverso l'Ipo, è creare un polo di eccellenza nella progettazione e produzione di sneaker nella Riviera del Brenta, distretto calzaturiero del luxury Made in Italy».

L’Ipo, secondo quanto annunciato da Nice Footwear all’inizio del mese, prevede il collocamento di azioni presso investitori istituzionali rivenienti da un aumento di capitale per un massimo di 5 milioni di euro.

La forchetta di prezzo è stata fissata tra 9 e 11 euro per azione, che corrisponde a una valutazione dell’equity value pre-money tra 13,5 e 16,5 milioni.

Nell’operazione Bper Banca agisce in qualità di Euronext Growth advisor, global coordinator e specialist. Aritma agisce come advisor finanziario, Bdo come società di revisione e Simmons&Simmons come deal counsel legale. EpYon ha svolto la due diligence finanziaria, Starclex Studio Legale assiste la società nella valutazione della corporate governance ed Experta ha agito come consulente fiscale.

e.f.
stats