La linea genera 20 milioni di ricavi

Aeffe: analisti positivi su controllo licenza Love Moschino

«Il corrispettivo pagato da Aeffe per rilevare anticipatamente di due anni la licenza Love Moschino (3,6 milioni di euro) sarà coperto dall’ebitda generato in un esercizio». Lo prevedono gli analisti di Intesa Sanpaolo che stimano un fatturato generato dalla linea della maison Moschino pari a 20 milioni di euro. L’ebitda riconducibile a Love Moschino dovrebbe essere di circa 7 milioni e le relative royalty per la casa madre Aeffe sono ipotizzate pari a 2 milioni (sul totale di 10,4 milioni di royalty registrate dal gruppo nel 2020).

«Riteniamo - spiegano gli analsiti - che l’operazione abbia soprattutto un valore strategico: l'integrazione nel gruppo di tutte le collezioni di abbigliamento donna permetterà di gestire al meglio le tre linee del marchio in termini di qualità, comunicazione e distribuzione, con sinergie di fatturato specie tra Moschino Couture e Love Moschino».

Mediobanca, che ha un giudizio "neutral" sul titolo Aeffe, ritiene che l’operazione rappresenti «una mossa strategica rilevante per riposizionare il marchio Moschino e rimodellare la sua offerta per accelerarne la crescita». «Inoltre - aggiungono gli analisti - dovrebbe consentire l'integrazione all'interno del gruppo di tutte le collezioni di abbigliamento donna, contribuendo a sfruttare le sinergie e le opportunità del gruppo».

Come reso noto ieri da Aeffe, il nuovo corso di Love Moschino (finora in mano a Sinv) sarà effettivo a partire dalla Fall-Winter 2023.

A Piazza Affari poco dopo le 16 il titolo Aeffe passa di mano a 2,47 euro per azione, in calo dello 0,8% rispetto alla chiusura di ieri. La performance a un anno è invece +213%.

e.f.
stats