La scommessa è su Fengmao

Yoox chiude il sito cinese: Richemont si concentra sulla jv con Alibaba

Ynap chiude il sito cinese di Yoox e si concentra sull'offerta top tramite le piattaforme Net-A-Porter e Mr Porter. II gruppo Richemont, cui fa capo il big delle vendite online, gioca le sue carte nel Paese nella sfera luxury e scommette su Fengmao, la joint venture con Alibaba che ha portato lo scorso settembre all'apertura di un flagship di Net-a-Porter sulla piattaforma Tmall Luxury Pavilion.

 

Il modello di business di Yoox, focalizzato sulle vendite off-season, non si è rivelato vincente sul mercato cinese, dove nel 2015 era stato chiuso anche The Outnet, un altro sito di bargain-shopping in capo a Ynap.

 

D'altra parte anche per le vendite full-prince in season lo scenario online non è roseo per i retailer internazionali in Cina, come dimostra l'uscita dal mercato di Neiman Marcus, appena cinque mesi dopo il lancio del website nel 2012.

 

Lo scorso aprile anche Amazon ha chiuso il suo portale nel Paese del Dragone, che a quanto si dice realizzava valeva solo l'1% dell'intero mercato dell'e-commerce nel Paese.

 

Nel 2016 Walmart aveva venduto la sua piattaforma a Jd.com, in cambio di quote nella piattaforma. Ma sembra che anche realtà tech come Netflix, Facebook e Google stiano rallentando i loro piani di espansione in Cina.

 

Forse in questo momento la strada delle alleanze è la più sicura da percorrere, come dimostra la joint-venture tra Ynap e Richemont, o come si deduce dalla decisione di Amazon di aprire uno store sul sito cinese Pinduoduo: una realtà nata quattro anni fa, molto popolare presso gli abitanti delle città lower tier, attenti alle offerte e alle possibilità di sconti.

c.me.
stats