Le previsioni confortano gli analisti

Ferragamo: vendite e utili 2018 in calo, ma il titolo sale in Borsa

Nel 2018 Ferragamo ha registrato una diminuzione degli utili del 26% a 88,4 milioni di euro. Il dividendo scende da 0,38 a 0,34 euro.

Sull’andamento dei profitti pesa, come si legge in una nota, l’impatto negativo, per circa 9 milioni, relativo ad accantonamenti e al pagamento, legato a imposte dirette degli esercizi precedenti, a seguito di verifiche fiscali in alcune società del gruppo.    

L’ebitda annuale di Ferragamo è sceso del 13,8% a 214 milioni, mentre l’ebit ha accusato un -19% a 149,8 milioni.

I ricavi sono diminuiti del 3% a 1,3 miliardi di euro (-1,7% a cambi costanti), per effetto del -3% sul canale retail e del -3,8% nel wholesale. Sul principale mercato, l’Asia-Pacifico, il gruppo presieduto da Ferruccio Ferragamo ha segnato un -1%, ma nel quarto trimestre la Cina ha mostrato un +7,6% delle vendite. In Emea la flessione del fatturato è stata del 6%, -5% in Nord America.

All’assemblea degli azionisti sarà proposto un dividendo di 0,34 euro per azione, dagli 0,38 del 2017.

Intorno alle 17 il titolo Ferragamo sale del 6,4% a Piazza Affari, poco sopra i 19 euro per azione, risultando tra i migliori del listino milanese. Il Ftse Mib registra invece un +0,44%.

Come riporta Reuters, Berenberg ha un giudizio "hold" sul titolo e target a 16 euro. Gli anilisti si dicono confortati dalle dichiarazioni del cfo, che hanno confermato le previsioni di ricavi a 1,4 miliardi ed ebitda a 226 milioni, ma notano che queste attese «implicano un’ambiziosa espansione dell’ebitda margin». Nel parere degli analisti di Jefferies le vendite online sono state migliori delle previsioni.   

e.f.
stats