L'ebitda balza del 30% nel 2019

Replay corre a doppia cifra. Sinigaglia: «Pronti a rimetterci in moto»

Un 2019 con il vento in poppa per Fashion Box, la denimwear company a capo dei marchi di casualwear, accessori e calzature uomo, donna e bambino Replay, Replay&Sons e We are Replay.

L'azienda di Asolo, in provincia di Treviso, ha infatti registrato un fatturato pari a 262,3 milioni di euro, in crescita del 10,3% rispetto ai 237,9 milioni dell'anno precedente.

Importante l'incremento in termini di ebitda, con un balzo del 30% a 28 milioni di euro (11% del giro d'affari).

Con un export che sul fatturato pesa oggi per l'89%, Fashion Box è presente in oltre 50 Paesi. L'Europa complessivamente vale il 73% (Nord Europa 20%, Europa Centrale 29%, Europa del Sud ed Est Europa 12%) mentre il resto del mondo, trainato da Medio Oriente e Asia, incide per il 16%.

Nel 2019 l'andamento positivo è risultato omogeneo in tutti i mercati, ma a performare sopra la media sono stati specialmente Sud Europa (+8,1%), Asia (+10,6%), Europa dell'Est (+36%) e, soprattutto, Medio Oriente (+49%), grazie anche alla risposta del mercato israeliano.

Riguardo ai canali distributivi, sono avanzati sia il wholesale (+14,1%), grazie a un network di 4mila punti vendita, sia il retail (+6,4% like for like), espressione di oltre 100 negozi monomarca e 125 tra corner e shop in shop. In aumento anche l'e-commerce, con un +8%.

Quanto all'anno in corso, fare previsioni è difficile, ma il ceo Matteo Sinigaglia si mostra ottimista: «Il 2019 si è concluso in linea con le nostre attese, migliorando sensibilmente tutti i parametri dell'anno precedente – osserva -. Ci apprestiamo ad affrontare un 2020 estremamente difficile a causa della pandemia in atto, ma siamo comunque determinati a implementare il percorso già intrapreso relativamente all'innovazione di prodotto e a investire risorse adeguate, per comunicare al cliente finale i valori del brand. Ci stiamo attrezzando per farci trovare pronti al momento della ripartenza».

a.t.
stats