L'online investe sul retail fisico

Asos si aggiudica Topshop per 330 milioni di sterline

Dopo le voci circolate nei giorni scorsi la notizia è ufficiale: Asos ha portato a termine l'acquisizione dei marchi di Arcadia, Topshop, Topman, Miss Selfridge e HIIT. Un deal da 330 milioni di sterline, secondo gli amministratori di Arcadia e Deloitte, che hanno confermato la vendita. La transazione sarà completata il 4 febbraio.

Il colosso delle vendite online ha rilevato i brand, la proprietà intellettuale e il magazzino, ma non il network di negozi, in un'intesa che rispecchia quella di Debenhams da parte di Boohoo della scorsa settimana.

Secondo quanto riferisce Deloitte, circa 300 dipendenti attivi nei settori design, retail partnership e acquisti passeranno in Asos, ma ci sono a rischio migliaia di posti di lavoro nei circa 70 punti vendita dell'insegna nel Regno Unito.

Asos, che distribuisce già Topshop sulla sua piattaforma, punta sulle sinergie tra la propria base di clientela e quella dell'insegna e fa leva inoltre sulla presenza consolidata del retailer in mercati internazionali come Usa e Germania.

L'obiettivo di Asos, ora, è integrare le label sulla propria piattaforma, facendo leva sull'experience digital e rafforzando le etichette tramite un design e un marketing aggiornati.

La vendita di Topshop, Topman, Miss Selfridge e HIIT ad Asos lascia gli altri marchi di Arcadia Burton, Dorothy Perkins e Wallis ancora alla ricerca di un acquirente. Ma forse ancora per poco. Boohoo, che ha acquistato Debenhams il mese scorso, ha confermato che è in trattative esclusive per l'acquisto di queste etichette, con un accordo che potrebbe arrivare già questa settimana.

c.me.
stats