MILANO FASHION WEEK

Fendi sul filo del dualismo, tra angeli e demoni

Una collezione giocata sul filo del dualismo, tra angeli e demoni, bene e male, Yin e Yang: per disegnare l'uomo della prossima estate Silvia Venturini Fendi ha compiuto un viaggio verso il lato oscuro di Fendi, complice la collaborazione con l'artista Nico Vascellari, che ha realizzato illustrazioni e loghi per la collezione. A lui anche il compito di immaginare la passerella.

Una caverna trompe l'oeil, come una camera oscura accesa da raggi di luce rossi, ai cui lati una scultura cinetica di neon mostrava le illustrazioni realizzate dall'artista: da qui uscivano i modelli, interpreti di una moda lontana da trend preconfezionati («I diktat mi fanno paura. Una collezione è fatta di assemblaggi» ha commentato Silvia Venturini Fendi»).

Riallacciandosi al logo della maison, la collezione è stata giocata sul concetto di doppio, forse anche un riferimento ai due gemelli appena nati, figli di Delfina Delettrez Fendi e (guarda caso) di Nico Vascellari.

Su un guardaroba fatto di capi semplici, come impermeabili, giubbotti, anorak, pantaloni sartoriali, camicie, pantaloncini e polo, Venturini Fendi ha costruito un gioco di anagrammi, con le parole che diventano stampe e le stampe che si trasformano in anagrammi (Roma e Amor, Fendi e Fiend, che in inglese vuol dire "piccolo demone").

Nel suo mondo fantastico, la stilista ha aperto le porte a piccoli demoni, serpenti con FF biforcute, rane con gli artigli, dadi e carte da gioco, in cui Fendi è il re, lei una regina e Karl Lagerfeld il jolly.

Un dialogo tra opposti che coinvolge anche i tessuti, perché quello che sembra pesante diventa leggero, grazie all'impiego di reti e di perforazioni, oppure ciò che sembra pelle è carta, mentre la pelle ha la consistenza della carta. E in cui anche i colori ricercano le contrapposizioni, negli accostamenti tra rosso e nero, bianco e marrone.

Su tutto domina un concetto di performance e funzionalità, che si ritrova anche negli accessori, come la nuova Peekaboo X-Lite, i berretti, i marsupi, i mocassini con bande elastiche, i sandali da corsa con suole ammortizzate.

A cura della redazione
stats