Netcomm Focus Fashion&Lifestyle

Pietro Negra (Pinko): «Sì all'e-commerce, ma le emozioni vengono prima di tutto»

«Il digitale e l'e-commerce sono ok, ma l'uomo ha sempre bisogno di emozioni ed è importante sempre arrivare lì, in un modo o nell'altro. Finora però quello che vedo nell'e-commerce è una grande concorrenza sul piano degli sconti e del servizio». L'intervento al Netcomm Focus Fashion & Lifestyle di Pietro Negra, ceo di Cris Confezioni, cui fa capo il marchio Pinko, ha portato in primo piano un tema fondamentale per l'e-commerce: il rapporto con il consumatore.

«Capsule, pop-up, personalizzazione e storytelling sono fondamentali ma il punto è come vincere la concorrenza nel contesto di un mondo digitale. La domanda è: riuscirà Amazon a soddisfare tutti i desideri dei consumatori?»

Il mondo dei brand, ha spiegato Negra, deve emozionare le clienti. «È sempre una sensazione il punto di partenza per farci ricordare le cose ed è il rapporto personale che nasce tra chi vende e chi acquista che porta a concludere il business. Tutti temi che conosciamo e che oggi il  digitale sta affrontando su larga scala».

A proposito dei cambiamenti più eclatanti degli ultimi tempi, Negra ha sottolineato: «Una volta l'azienda era valutata in base ai metri quadri di superficie disponibile, ma oggi il database è più importante, così come sono importanti il crm, la multicanalità e tutti gli strumenti di riconoscimento della persona. Quello che è certo che oggi la stessa mail, mandata a tutti, non serve».

In questa fase di cambiamento, ha concluso Negra, il negozio fisico resta centrale, anche se in fase di forte ripensamento: «I fatturati vengono ancora fuori dal retail e dal wholesale, che soprattutto in Italia è un canale particolarmente importante. Va però ripensata la formula, aumentando la frequentazione degli spazi fisici tramite il marketing e i social media. Bisogna puntare a migliorare il conto economico, riducendo l'invenduto e ottimizzando il sell-through».

c.me.
stats