Tramite la holding Piqubo

Palmieri (Piquadro) investe nella startup sostenibile Reflaunt

Nuovo step verso la sostenibilità per Marco Palmieri, presidente del Gruppo Piquadro (marchi Piquadro, The Bridge e Lancel), che attraverso la sua holding Piqubo rileva una partecipazione obbligazionaria nella startup Reflaunt. Una realtà che offre un’innovativa soluzione tecnologica per l’economia circolare nel settore moda.

Grazie a Reflaunt aziende e retailer possono offrire ai propri clienti la possibilità di rivendere, direttamente sulla loro piattaforma e-commerce, capi acquistati in passato. Articoli che vengono proposti simultaneamente su oltre 20 marketplace in Nord America, Europa, Medio Oriente, Sud-Est asiatico e Australia, raggiungendo oltre 30 milioni di persone interessate ad acquisti second hand in tutto il mondo.

Un'opportunità valida sia per le aziende impegnate nella sostenibilità sia per i consumatori, che possono rivendere capi con facilità, fare acquisti second-hand e fruire di vantaggi per nuovi acquisti.

La formula proposta da Reflaunt è già stata adottata da realtà come Balenciaga e Cos e da marketplace quali Rebelle e VideDressing. La raccolta di nuovi finanziamenti, alla quale ha aderito anche Piquadro, è funzionale ai nuovi lanci, tra cui Ba&sh, fatti a inizio 2021.

«La sostenibilità è per noi un impegno importante, che intendiamo perseguire in diversi modi. Stiamo infatti incrementando le produzioni realizzate con materiali riciclati e contemporaneamente stiamo intraprendendo una serie di altre attività come il rilancio del territorio montano del Corno alle Scale, vicino alla nostra sede in provincia di Bologna», è il commento di Marco Palmieri, che ha effettuato l'investimento tramite la holding Piqubo, che scommette su aziende quotate e non quotate e in startup.

L’impegno del Gruppo Piquadro per la sostenibilità, spiega una nota, «è già una concreta realtà grazie a nuove linee ecologiche che sono il frutto di una ricerca volta a realizzare prodotti con ridotto impatto ambientale nell’ambito di un progetto che parte dalla valutazione degli effetti sull’ambiente delle attività aziendali riportate nel bilancio di sostenibilità di Piquadro».

Si tratta di zaini, borse e trolley realizzati con nylon riciclati al 100%, ottenuti da rifiuti industriali. Piquadro ha inoltre introdotto un indice – il PQ Recycled Index - che certifica la quantità di materiale riciclato contenuto in ogni singolo prodotto.

Quanto al progetto legato al territorio montano del Corno alle Scale, vicino alla sede di Piquadro sull’Appennino Tosco-emiliano, si tratta del rilancio della stazione sciistica dove si allenava da ragazzino Alberto Tomba e che a partire da settembre sono state prese in gestione da una società composta da Marco Palmieri, presidente e ceo di Piquadro, Flavio Roda, che è stato allenatore di Tomba ed è oggi presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, insieme a imprenditori, manager, professionisti e realtà locali diverse.

c.me.
stats