New look per il marchio

Max&Co. è nuovo: ufficio stile, immagine, store. E alla guida arriva Elia Maramotti

Nuovo ufficio stile, nuova immagine del brand con tanto di revamp del logo, nuova filosofia retail. Il gruppo Max Mara, è riuscito a concentrare nel giro di due stagioni tutta una serie di novità intorno al suo marchio contemporary Max&Co., gettando le basi di una strategia di rilancio orchestrata da Elia Maramotti, nuovo brand director.

«Il nuovo corso - ha spiegato incontrando la stampa il giovane figlio di Luigi Maramotti, amministratore delegato della società - è incominciato con la collezione Fall-Winter, attualmente in negozio, ma il progetto di rinnovamento sarà ancora più evidente nella resort, che sarà in vendita da novembre».

A sottolineare la nuova direzione creativa, che ha comportato un cambio di direzione nell'ufficio stile (ma il gruppo per prassi non comunica mai l'identità dei suoi designer), è intervenuto anche un revamp del logo con un colore rosso accesso, che caratterizzerà tutte le etichette e le shopping bag del marchio.

«La nostra direzione di design - ha sottolineato Elia Maramotti - guarda al futuro, partendo dalle radici del brand. Abbiamo riscoperto l'anima street style con cui era nato 30 anni fa Max&Co., intrecciandola al savoir faire italiano e alla cultura pop».

«Vogliamo dare più varietà alle collezioni - ha proseguito il brand directo - e puntare l'accento alla nostra community (quell'&Co. che conserviamo anche nel nostro nome), da sempre molto variegata e che in futuro dovrà esserlo ancora di più».

La collezione si basa su principi di qualità e versatilità per capi sempre facili da abbinare, perché uno degli obiettivi principali del nuovo corso di Max&Co. è quello di garantire una maggiore durabilità del prodotto. «Un approccio consapevole - ha aggiunto Maramotti - che tiene conto del momento di mercato che stiamo attraversando».

E a sottolineare la rivoluzione del marchio, per Max&Co. arriva anche il primo capo unisex: una T-shirt. «Questa è la dimostrazione - ha fatto notare il brand director - che ci stiamo preparando a un nuovo decennio di stile e, chissà, i capi di abbigliamento unisex potranno anche aumentare in futuro».

Anche il retail è parte integrante del revamp di Max&Co., che nel mondo conta circa 400 punti vendita monomarca. «La boutique - ha concluso Maramotti - sta cambiando il suo ruolo, per diventare il centro dell'esperienza di un brand. La prima boutique pilota della nuova generazione è stata inaugurata a Reggio Emilia, la nostra città di origine. L'abbiamo pensata come uno spazio aperto e in trasformazione: una location per la vendita ma anche per workshop e pop up a tema lifestyle».

an.bi.
stats