obiettivi il raddoppio dei ricavi e la borsa

Italglobal Partners acquisisce il 70% di Gimel

Un gruppo di investitori italiani coordinati da Italglobal Partners ha acquisito il 70% di Gimel, azienda di abbigliamento infantile fondata nel 1978 a Putignano (Bari).

Un player di riferimento per le collezioni di alta gamma nel mondo delle piccole taglie, grazie alle partnership con griffe come Versace per Young Versace, Elisabetta Franchi per la collezione La Mia Bambina, Roberto Cavalli per Cavalli Junior, Dondup, Berwich e, ultima in ordine di tempo, Philosophy di Lorenzo Serafini.


Gimel, parte del programma Elite di Borsa Italiana, ha chiuso il 2017 con ricavi per circa 18 milioni di euro e un ebitda intorno ai 2,7 milioni, con la prospettiva di crescere nel 2018 a circa 21 milioni per quanto riguarda il giro d'affari e a 3,2 milioni per l'ebitda. Una società che da sempre realizza il 100% della produzione in Italia, valorizzando il dna con le nuove tecnologie.

«Sono soddisfatto di entrare, tramite Gimel, in un'ulteriore nicchia della moda», ha commentato Ruggero Jenna, fondatore con Francesco Sala di Italglobal Partners, società di investimento attiva dal 2011, che opera secondo una logica di “club deal strutturato” e si concentra insieme a un network di co-investitori su Pmi italiane ad alto potenziale, al fine di supportarne la crescita internazionale.

Jenna diventa il presidente del cda della realtà pugliese, ma nel ruolo di ceo resta Alberto Dalena (nella foto), detentore di una quota di minoranza, affiancato da una parte della storica compagine societaria, cui rimane «una partecipazione significativa».

«Abbiamo trovato in Gimel gli elementi determinanti per favorire un deciso percorso di crescita nei prossimi anni - ha aggiunto il co-fondatore di Italglobal Partners, per la quale questa è l'ottava operazione portata a termine - ossia innovazione di prodotto e processo, focalizzazione sulla customer satisfaction e produzione made in Italy. Puntiamo pertanto a raddoppiare il fatturato nei prossimi cinque anni».

Alberto Dalena si è detto «orgoglioso di potere guidare la Gimel nella sua ulteriore crescita, in sinergia con partner seri e professionali, all'insegna di una sana e deontologica determinazione».

«Grazie al nuovo assetto - ha precisato - avremo la possibilità di ampliare gli investimenti, essere più competitivi, proseguire nell’innovazione e raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi, tra cui il percorso verso la quotazione in Borsa».

Per l'operazione Italglobal Partners si è avvalsa di un team composto da Ruggero Jenna, Francesco Sala e Nicola De Biase, supportati dallo studio DB & Partners per la parte legale, da Deloitte per gli aspetti contabili e dallo Studio Borioli Colombo & Associati per gli aspetti fiscali.

 

a.b.
stats