onorificenze

Due imprenditori della moda salgono al colle: Marenzi e Colombo Cavalieri del Lavoro

Ci sono anche due personaggi di spicco del tessile-abbigliamento tra i 25 Cavalieri del Lavoro nominati dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: si tratta di Claudio Marenzi, che riveste il doppio ruolo di presidente di Herno e Sistema Moda Italia, e Roberto Colombo, presidente del Lanificio Luigi Colombo.

 

54 anni, di Arona, Claudio Marenzi è al timone di Herno dal 2011. Entrato nell'azienda di famiglia fondata dal padre Giuseppe nel 1948 (anche lui nominato a suo tempo Cavaliere del Lavoro), negli anni ha maturato esperienze dirette in tutti gli ambiti della produzione e della vendita del prodotto.

 

Sotto la sua guida, la società ha intrapreso un percorso di forte crescita, culminato in un fatturato che nel 2015 ha toccato i 71 milioni di euro, in aumento del 13,5% sull'anno precedente, con un valore dell'export pari al 70%.

 

Dal 2013 Claudio Marenzi è ai vertici anche di Sistema Moda Italia, la federazione che rappresenta oltre 405mila addetti e più di 47.200 imprese. Le iniziative promosse sotto la sua presidenza sono state numerose, come spiega una nota, «dalla promozione del made in Italy all'importanza della qualità e sostenibilità della filiera con l'istituzione della Commissione sulla Sostenibilità, ricerca e innovazione della moda italiana, alle attività con focus sull'internazionalizzazione e il riconoscimento delle norme sul made in».

 

Come presidente di Smi, Marenzi sta anche fornendo supporto operativo al piano di rilancio economico in un'ottica di un rafforzamento del sistema fieristico e ai progetti di reshoring e reverse factoring, a sostegno delle imprese italiane del settore.

 

L'altro esponente del mondo della moda a ricevere l'onorificenza dal Presidente della Repubblica è Roberto Colombo, 57 anni, presidente del Lanificio Luigi Colombo, azienda di famiglia fondata nel 1967 e tra i leader mondiali nella tessitura di cashmere e fibre nobili.

 

L’intera produzione del Lanificio Luigi Colombo si realizza nei due storici stabilimenti di Borgosesia e Ghemme: dalla scrupolosa scelta delle materie prime, alla trasformazione di queste in filati e in tessuti, fino al prodotto finito attraverso una verticalità totale controllata direttamente dalla famiglia.

 

Tra i 25 Cavalieri al Lavoro si sono distinti anche altri imprenditori attivi in settori attigui al fashion, come Ermenegildo Dino Tabacchi, presidente della catena di occhiali Salmoiraghi & Viganò, Daniela Villa, consigliere delegato dei negozi di cosmesi naturale L'Erbolario, Carlo Molteni, presidente dell'azienda di design Molteni e Paolo Nocentini, presidente e a.d. di Savino del Bene, specializzata nelle spedizioni per la moda verso gli Stati Uniti.

 

stats