opening

Tiffany & Co.: in piazza Duomo il mega-flagship tra gioielli e arte

Tiffany & Co. ha aperto ieri sera (11 luglio) la sua terza boutique a Milano, sotto i portici adiacenti al Duomo, con un grande evento che ha coinvolto l'intera piazza (vedi gallery). Nello spazio, che occupa 1.000 metri quadri su due livelli, accanto alle collezioni di gioielli Tiffany sono esposte le opere di otto artisti.

 

Il nuovo negozio si connota dunque anche come una "Tiffany Art Box", grazie al contributo di Alek O., Gio Pastori, Felice Serreti, Loris Cecchini, Zeno Peduzzi, Patrick Tuttofuoco, Gianluca Franzese e Niccolò Fiorentini: selezionati dal brand americano insieme all'artist consultant Alessandro Arnsberg, hanno pensato e realizzato sculture, collage, disegni e installazioni appositamente per questo flagship.

 

Un legame profondo, quello del marchio con l’arte, che risale al suo fondatore Charles Lewis Tiffany, uno degli original trustee del Metropolitan Museum of Art di New York City e a suo figlio, Louis  Comfort  Tiffany, divenuto uno dei maggiori esponenti del movimento American Art Nouveau.

 

In seguito, l’arte e la maestria nello storytelling di Tiffany sono diventate leggendarie, soprattutto sotto la direzione creativa di Gene Moore, che ha coinvolto artisti contemporanei come Matson Jones Custom Display e Andy Warhol.

 

Nel 2016 Tiffany & Co. è stato sponsor delle mostre dedicate a Rauschenberg a Pechino, Londra e New York e sostiene la Biennale del Whitney Museum of American Art fino al 2021.

 

Tornando all'apertura nel capoluogo lombardo, il presidente Emea di Tiffany & Co., Marc Jacheet, ha sottolineato come «aprire un terzo negozio in una città di fama internazionale e capitale del lusso, dove siamo presenti dal 1989, sottolinei l’importanza del mercato italiano e la volontà di continuare a proporre lo stile e l'eleganza dei nostri gioielli».

 

Ospitato in uno storico palazzo con vista Duomo, il punto vendita sfoggia tavoli di marmo di Carrara, finiture in ottone e arredi realizzati appositamente dalle più rinomate aziende di design italiane: Molteni, Giorgetti e Minotti.

 

Elementi principali del concept architettonico sono gli archi, che si rifanno alla struttura originale, ma anche le pareti con particolari in pietra Amazzonite, i legni intarsiati e i complementi che rimandano allo stile déco, a partire dallo scenografico lampadario in cristallo, che creano un fil rouge tra le atmosfere dell'iconico store newyorkese e quelle di Milano.

 

Festeggiamenti alla grande ieri sera, con l'esibizione musicale di Le Div4s e la performance della ballerina acrobatica Erika Lemay, che volteggiando sopra piazza Duomo appesa a tanti palloncini "azzurro Tiffany" ha tenuto i milanesi con il naso all'insù ed è stata più volte immortalata e postata sui social.

 

stats