Parla Benedetta Petruzzo

Miu Miu resta sotto i livelli pre-Covid, ma crescono il ready-to-wear e l'interesse della Gen Z

Miu Miu nei primi 9 mesi del 2021 ha registrato ricavi per 279 milioni di euro, ancora sotto i livelli del 2019 (quando il giro d'affari aveva raggiunto 321 milioni di euro), ma il risveglio di alcuni mercati e categorie merceologiche e le vendite e-commerce generano ottimismo sui risultati futuri della griffe fondata da Miuccia Prada nel 1993.

«I risultati dei primi nove mesi 2021 di Miu Miu sono ancora di poco inferiori ai livelli pre-Covid, ma l'andamento di mercati come Asia e Medio Oriente ci rende ottimisti», ha dichiarato Benedetta Petruzzo, general manager di Miu Miu nel corso del Capital Markets Day del gruppo Prada, sottolineando anche il successo del ready to wear, in aumento double-digit rispetto al 2019, e l’accelerazione del segmento accessori.

«La crescita di Miu Miu resta una priorità per il gruppo, come dimostrano i 150 milioni di euro di investimento in comunicazione pianificati nei prossimi tre anni», ha proseguito Petruzzo.

Investimenti che serviranno per allargare la customer base di Miu Miu, che vuole suscitare l'interesse dei clienti Millennials e Gen Z.

an.bi.
stats