Parte il programma Infinity

Ynap: 12 goal per essere più green, circolari e inclusivi entro il 2030

Dieci anni a disposizione per diventare più sostenibili, più circolari e più inclusivi. Questa la mission di Yoox-Net-A-Porter, che con il varo del programma Infinity punta a offrire un lusso che dura nel tempo, contribuendo a trasformare il settore con i principi della circular economy.

Il progetto è ambizioso e strutturato in 12 impegni, in grado di supportare sin da subito i Sustainable Development Goals dell’Onu e innescare un cambiamento concreto. 

Ynap spiega che farà leva sul decennale impegno in tema di sostenibilità, sulle sue competenze in tecnologia e innovazione, la sua dimensione globale (presenza in 180 Paesi, con 4,3 milioni di clienti e centinaia di partner), per promuovere la collaborazione con i player di settore e non solo.

I primi impegni verranno ottemperati già entro la fine del 2020 e rappresenteranno una base per portare avanti il rinnovamento nel corso dei prossimi dieci anni.

Quattro le aree di intervento: Circular Business, Circular Culture, Planet Positive e People Positive.

Riguardo alla prima, si tratta di programmi pilota e iniziative che includono la circolarità nelle attività a ogni livello attraverso innovazione, nuovi servizi e circular design. L’impegno a estendere la vita dei capi parte dalle private label del gruppo, con l’obiettivo di rendere, entro il 2025, tutti i prodotti 100% sostenibili e circolari, in linea con le nuove linee guida di Ynap, che verranno condivise anche dai brand partner. Entro il 2023, saranno offerti servizi per la cura dei capi in collaborazione con sartorie locali, artigiani, imprenditori sociali e startup, accessibili in tutti i quattro i negozi online (Net-A-Porter, Mr Porter, Yoox e The Outnet).

Sul fronte della Circular Culture, lo scopo è rendere il lusso circolare un valore condiviso e accessibile per tutti.  Questo impegno prevede l’aumento costante, di anno in anno, di prodotti sostenibili disponibili nei negozi online del gruppo e un maggior focus dei contenuti editoriali dedicati al lusso sostenibile e circolare, per ispirare e informare. Inoltre, entro il 2022 saranno introdotte soluzioni online per permettere ai clienti di effettuare scelte più consapevoli e sostenibili. 

Con Planet Positive si punta ad adottare un approccio scientifico per mitigare l’impatto ambientale e investire in risorse per salvaguardare il pianeta. Il gruppo si pone l’obiettivo di diventare climate positive entro il 2030, impegnandosi a ridurre le emissioni di CO2 in linea con i Science Based Target; a utilizzare energia rinnovabile al 100% entro la fine del 2020, come previsto dall’iniziativa RE100; a diventare un business zero-waste entro il 2023 attraverso la riduzione, il riutilizzo, il riciclo e il compostaggio del 100% dei rifiuti aziendali. 

Infine, per l’area People Positive l’obiettivo è promuovere una cultura positiva nel settore, supportando e dando fiducia alle nuove generazioni, abbattendo le barriere che impediscono loro di crescere e affermarsi e creando un bacino sostenibile di talenti.  Il gruppo si impegna, attraverso 15mila giorni di volontariato dei propri team entro il 2025, a fornire ai giovani le competenze digitali e imprenditoriali per eccellere nell’industria della moda, bilanciando tecnologia e creatività. Particolare attenzione sarà riservata alle categorie sottorappresentate. Inoltre, verranno introdotti programmi per far crescere nuovi talenti e lanciarli sul mercato e aumentare la consapevolezza sui temi di diversità e inclusione, sia internamente che fra i partner e le organizzazioni di riferimento.

“Possiamo rivoluzionare il mondo della moda solo attraverso la collaborazione, condividendo soluzioni e sfide e ridefinendo continuamente la nostra risposta ai bisogni dei clienti - commenta Giorgia Roversi, Director of Sustainability and Inclusion di Ynap -. Per questo, tutti i 12 impegni previsti nella strategia di Infinity sono sostenuti da progetti pilota e iniziative che ci permetteranno di condividere soluzioni e esperienze sia all’interno dell’azienda sia con i nostri partner”.

a.t.
stats