Performance record in Nord America

Nike batte le stime: boom di ricavi e utili nel quarto trimestre

Nike chiude in volata il quarto trimestre dell’anno fiscale 2021, terminato il 31 maggio. La crescita dei ricavi nel periodo è stata del 96% rispetto all’anno precedente (e del 21% sul 2019), a quota 12,3 miliardi di dollari: una performance migliore rispetto agli 11 miliardi attesi dal mercato.

Nell’intero anno fiscale i ricavi hanno raggiunto la soglia dei 44,5 miliardi di dollari, in aumento del 19% rispetto all’esercizio precedente.

A trainare la corsa del colosso dello sport è stato il Nord America, mercato più importante per Nike, che ha più che raddoppiato le vendite nel quarto trimestre, generando ricavi per 5,38 miliardi di dollari: un balzo del 141% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 29% sul 2019.

Meno brillanti, seppur positivi, i numeri relativi alla Greater China, dove le vendite sono aumentate del 17%, portando i ricavi a quota 1,93 miliardi di dollari e mancando il bersaglio dei 2,22 miliardi previsti dagli analisti. A impattare potrebbero essere stati i boicottaggi messi in atto a causa delle accuse di sfruttamento dei lavoratori nella regione dello Xinjiang.

Nonostante le chiusure provvisorie dei negozi, nell’area Emea i ricavi del trimestre hanno registrato un +124% sull’analogo periodo di un anno fa e del 21% sul 2019.

In progress anche i profitti: l’utile netto dell’ultimo quarter dell’anno è stato di 1,5 miliardi di dollari, corrispondente a un utile diluito per azione di 0,93 dollari, rispetto a una perdita netta per il quarto trimestre del 2020 di 790 milioni di dollari, corrispondente a una perdita netta per azione di 0,51 dollari. Una performance superiore alle attese degli analisti, che si attendevano un utile per azione di 0,51 dollari.

Quanto all’intero fiscal year, l’utile netto si è attestato a 5,7 miliardi di dollari e l’utile diluito per azione è stato di 3,56 dollari, in crescita del 123%.

«I buoni risultati di Nike in questo trimestre e nell’intero anno fiscale dimostrano l’esclusivo vantaggio competitivo di Nike e la profonda connessione con i consumatori di tutto il mondo – ha dichiarato il presidente e ceo John Donahoe (nella foto) –. L’anno fiscale 2021 è stato un anno cruciale per la nostra società, in quanto abbiamo portato la nostra strategia Consumer Direct Acceleration in tutto il mercato. Spinti da questo slancio, continuiamo a investire nell’innovazione e nella nostra leadership digitale, per gettare le basi per la crescita a lungo termine di Nike».

a.t.
stats