Pesa il mercato giapponese saturo

Fast Retailing: salgono i ricavi ma scendono i profitti

Fast Retailing, il gruppo giapponese proprietario della catena Uniqlo, archivia il primo trimestre fiscale con un aumento dei ricavi del 4,4% ma i profitti operativi accusano un -8%.

Nel trimestre settembre-novembre 2018 i ricavi sono saliti a 644 miliardi di yen (5,2 miliardi di euro), ma l’ebit è sceso dell’8% a 105 miliardi. Gli analisti prevedevano un incremento del 3,5% a 118 milioni (fonte dati I/B/E/S riportati da Refinitiv). L’utile del periodo ha registrato un -5,2% a 80 milioni.

Il management stima di recuperare in corso d’anno: l’esercizio che termina a fine agosto 2019 dovrebbe mostrare un incremento dell’8% del fatturato, del 14,3% dell’utile operativo e del 6,6% degli utili.

L’andamento del trimestre è stato condizionato soprattutto dal trend di Uniqlo Japan, che ha subito una contrazione delle vendite (-4%) e degli utili operativi (-30%), sintomo di un mercato ormai saturo. Al contrario, Uniqlo International ha segnato un +12,8% per il fatturato e un +12,6% per l’operating profit.

Le performance migliori sono state registrate da Uniqlo Greater China. Il management parla di forte rialzo anche in Europa, dove è inclusa la Russia, in accelerazione. Uniqlo ha appena debuttato in Olanda, ad Amsterdam, mentre nel prossimo autunno dovrebbe esordire in Italia, con uno store in piazza Cordusio a Milano.

e.f.
stats