Più digital nel tessile

Reda e Lanificio F.lli Cerruti si uniscono per “Collection”

Prove tecniche per fare sistema nel tessile biellese. Due noti player come Reda e Lanificio F.lli Cerruti dal 1881 si sono infatti coalizzati per il lancio della piattaforma digitale Collection. Si tratta del primo passo per un più ampio progetto di Reda, volto sviluppare una piattaforma di servizi digitali a disposizione dell’intero comparto della moda.

La notizia dell’inedito sodalizio arriva nel giorno in cui parte la 32esima edizione Milano Unica, solo in versione digitale su e-MilanoUnica Connect.

«Ci auguriamo che questa operazione possa rappresentare per il mercato un primo esempio di successo nel fare sistema - dichiara Ercole Botto Poala, ceo di Reda Group -. Siamo fermamente convinti che la digitalizzazione del settore tessile rappresenti un processo imprescindibile e uno strumento strategico indispensabile per affrontare le sfide future, che sempre più richiederanno di porre un’attenzione particolare alle esigenze del consumatore».

«L’obiettivo del Lanificio F.lli Cerruti (nella foto, una proposta in lana e seta della collezione primavera-estate 2022) - commenta l’a.d. Filippo Vadda - è quello di offrire il meglio ai suoi clienti in ogni ambito: è per questo che abbiamo deciso di investire insieme in un’infrastruttura digitale che permetta di sviluppare una piattaforma tecnologica all’avanguardia».

In base alle statistiche della Camera di Commercio di Biella e Vercelli, nel terzo trimestre 2020 è l'industria della filiera tessile quella che risente maggiormente dell'impatto della pandemia. L'industria locale dei tessuti ha subito un calo della produzione del 28,7%. Questa performance si affianca al -15,1% della filatura, al -29,6% del finissaggio e al -13,9% delle altre industrie tessili.  

e.f.
stats