pitti bimbo

John Richmond: «Con la nuova collezione junior torno in pista»

«Ho tre figli, due più grandi e uno di cinque anni. Per questo ho esperienza. Sono loro il mio confronto con la realtà»: parole dello stilista John Richmond, che torna in Fortezza da Basso con la collezione John Richmond Jr., in un momento di rilancio per il marchio nell'orbita di Blue Skye Investment Group, che ha scelto Arav Fashion come produttore e distributore.

 

John Richmond, che si conferma direttore creativo delle collezioni e anima dell'ufficio stile, presenta a Pitti Bimbo una collezione destinata ai piccoli e ai teen dai due ai 16 anni, composta da 350 pezzi, all'insegna di uno stile rinnovato.

 

A modelli di stampo più classico (blazer, felpe, girocollo, pantaloni in felpa, jeans cinque tasche) fanno da contraltare capi di impronta fashion-rock: dal mini-chiodo in oro all'eco-pelliccia con richiami alla Swinging London, fino al bomber matelassé e al denim con toppe old-style, all'insegna di un gusto eclettico e anticonvenzionale, arricchito da accenti orientali e pop.

 

Ispirandosi a un imperativo, «Kids just need to have fun!», il fashion designer sceglie accenti "techno-worker" per il maschio e "geisha pop" per la femmina. Tra le proposte destinate a diventare best seller la teddy jacket con inserti in eco-pelle e le maglie che riproducono i profili di David Bowie, Patti Smith e delle Shakespeare Sisters.

 

Le fantasie vanno a ruota libera: motivi animalier, camouflage, fulmini, chitarre e richiami all'estetica glam-rock, con rimandi street. Obiettivo: vestire i bambini in modo informale ma ricercato, con abiti adatti a tutte le occasioni e soprattutto con una buona dose di personalità.

 

stats