Pitti Uomo 89

Lumberjack lancia l'apparel e nel 2019 la distribuzione in Italia è a +10%

Nell’anno dei festeggiamenti per il 40° anniversario di storia, Lumberjack si presenta a Pitti Uomo 96 con un'importante novità: la collezione Apparel SS20 che propone, per la prima volta in assoluto, camicie e pantaloni, a completamento della già ampia offerta di capispalla e polo.

 

Un progetto che si affianca all’ampliamento della linea sport, intesa in chiave lifestyle. «Apparel e sport sono le direttrici di sviluppo del prossimo futuro - racconta all'interno dello stand in Fortezza da Basso Erkan Emre, country director del brand -. I risultati positivi confermano la richiesta da parte del mercato di un’offerta sempre più ampia e parte da questo presupposto il lancio del primo total look Lumberjack».

 

Per il marchio di calzature della doppia foglia d'acero, nato nel 1979 e attualmente sotto il controllo del Gruppo Flo, il progetto total look è un passo strategico decisivo sul fronte del prodotto, che entra in una fase di consolidamento già avviata dallo scorso gennaio con l’ingresso di Emre e con il debutto nell’urban sportswear, segnato dal lancio della collezione Hype.

 

Facendo leva sull'heritage il manager avrà come obiettivo la crescita del marchio in Italia e all’estero. «In Italia - fa il punto Emre - abbiamo circa 1.000 punti vendita in crescita del 10% rispetto al 2018. A trainare l'evoluzione nel mercato italiano è il progetto Lumberjack Sport che conta, alla sua seconda stagione, già 400 clienti. Ma siamo soddisfatti anche dei riscontri ottenuti in Spagna e Grecia e il nostro prossimo focus è sui Paesi del Nord Europa».

 

Il consolidamento del brand non è soltanto quantitativo, ma anche qualitativo grazie al superamento dei 300 corner attivi nel 2019 all’interno dei principali clienti. «Proprio l'apparel - sottolinea il country manager - potrà valorizzare i nostri shop in shop»

 

I mercati di riferimento su cui il marchio si concentrerà per i prossimi due anni saranno Europa orientale, Russia, Nord Africa e Medio Oriente. In generale il 2019 sarà un anno di sostanziale consolidamento in cui, in termini di ricavi, la società dovrebbe essere in grado di chiudere con un risultato superiore rispetto al 2018, nonostante un mercato che non mostra segni di una marcata ripresa.

 

Le aspettative per l'anno in corso, anche grazie al lancio di nuovi progetti che caratterizzeranno l'offerta futura di Lumberjack, sono per una nuova fase di sviluppo con una conseguente crescita dei ricavi a due cifre.

 

Anche il lancio della collezione sportiva ha avuto un importante effetto sulle esportazioni, che nel 2018 hanno avuto un impatto sul turnover di circa il 20% e che dovrebbero ulteriormente rafforzarsi per la crescita del 2019.

an.bi.
stats