Pitti Uomo 95

Lumberjack: alla svolta dei 40 anni spinge l'acceleratore sul lifestyle

«Lo stile e il design italiani sono una risorsa per il mercato globale e su questi plus costruiremo le nostre sfide future». La pensa così Erkan Emre, country director recentemente incaricato di guidare Lumberjack nel nuovo corso, che parte con due obiettivi principali, italianità e internazionalità. La label festeggia il 40esimo anniversario a Pitti Uomo con il lancio della linea Hype.

Una dichiarazione di intenti, quella di Erkan Emre, che prevede un ruolo di primo piano per il brand nello scenario globale, grazie a una gamma ampliata di prodotti e a un’immagine più incisiva, con una forte impronta italiana.

 

«La strategia - spiega Emre - è fare di Lumberjack un casual lifestyle brand, spaziando tra outdoor shoe, abbigliamento e accessori, e, parallelamente, aumentarne la presenza in aree come Russia, Middle East e Africa».

 

«A questo proposito - continua il manager - abbiamo già firmato un contratto con un importante distributore russo e avviato un piano retail con l’apertura, a settembre scorso, di un monomarca nel Dubai Mall e uno in Mongolia. Poi affronteremo gli Stati Uniti». Tutto ciò fermo restando il ruolo prioritario dell’Europa e soprattutto dell’Italia, che rappresenta al momento l’80% del fatturato.

 

Il 40esimo anniversario di Lumberjack, oggi controllato dal gruppo turco Ziylan, viene celebrato a Pitti Uomo con il lancio della linea Hype, sneaker a metà strada tra l’urban di tendenza e il running. Rieditati anche i modelli iconici barca e boot, attualizzati nei volumi e nei materiali, pronti ad approdare in boutique e department store assieme alla nuova versione eco-sostenibile del celebre modello Ranger.

 

Sull’onda del cambiamento, il quartier generale di Treviso diventa l’hub del gruppo per lo sviluppo prodotto, il design e la comunicazione.

m.b.
stats