pitti uomo 96

Bagutta: con il gioco di squadra investe sull'innovazione

Allo scoccare degli 80 anni Cit, storica azienda di camiceria cui fa capo il marchio Bagutta, punta a una strategia di valorizzazione del dna attraverso una forte spinta al rinnovamento. In occasione di Pitti Uomo, l'a.d. Antonio Gavazzeni presenta tre figure complementari con le quali la famiglia fondatrice proietta Cit e Bagutta nel futuro.

Si tratta di Vanna Quattrini, nuova designer di Bagutta donna, Pietro di Matteo che riveste il ruolo di product manager uomo e Barbara Nicolini, consulente partner dello studio Costanzo & Associati oltre che esperta di fashion & luxury, che occupandosi di organizzazione aziendale sta integrando un piano industriale per l’azienda attraverso il talent management, l’overview dei processi relativi alle funzioni commerciali e al prodotto, l’inserimento di ulteriori risorse e la creazione di nuove attività.

«Cit possiede skill uniche al di là dei brand di proprietà, essendo un punto di riferimento anche per le licenze e le partnership con nomi di rilievo del made in Italy - osserva Nicolini -. Un ambito in cui può fare ancora di più e in questo senso qualcosa si sta già muovendo».

Ma anche il potenziale di Bagutta va sfruttato al massimo e rientra in quest’ottica la scelta di scommettere su Vanna Quattrini per il côté femminile e su Pietro di Matteo per l’uomo: Quattrini ha all’attivo collaborazioni con brand del calibro di Alessandro Dell’Acqua, Msgm e Dondup. Chi meglio di lei per ridisegnare il guardaroba della donna Bagutta, all’insegna di un total look leggero e sofisticato?

Il filo conduttore è una nuova contemporaneità di cui si è avuto un assaggio durante Hoas, manifestazione torinese in cui Bagutta ha portato per la prima volta in pedana il womenswear, nell’ottica più ampia di aprirsi agli eventi - soprattutto nel monomarca milanese di via San Pietro all’Orto - e alla presenza sui social.

La distribuzione di Bagutta donna viene affidata alla showroom di respiro internazionale Elisa Gaito, che si aggiunge agli altri partner storici del marchio, forte in aree come Usa, Giappone, Scandinavia, Germania e Belgio. In parallelo, Pietro di Matteo fa tesoro della sua esperienza in Lardini per portare una ventata di novità alle proposte maschili, tra cui per la prima volta la giacca-camicia.

Un new deal tutto da scoprire in questi giorni di Pitti, all'interno di uno stand rinnovato e arricchito dalla live performance di Arialina Ruzzenenti (nella foto, la primavera-estate 2020 di Bagutta di Milano).  

a.b.
stats