pitti uomo

Cucinelli oltre la vetta del mezzo miliardo di ricavi

Brunello Cucinelli, tra i protagonisti di Pitti Uomo, pubblica i dati preliminari delle vendite annuali. Nel 2017 le vendite sono salite del 10,4% a 503,6 milioni di euro, trainate anche dal mercato italiano, cresciuto dell'11% su base annuale.

 

In Europa il gruppo di Solomeo ha registrato un incremento del 10,6%, in Greater China del 36,2% e in Nord America del 6,5%. +5,3% la performance nel resto del mondo.

 

Crescono tutti i canali distributivi: +19,6% il retail diretto, +1,5% i monomarca wholesale e +6,2% i multimarca.

 

Grazie alla generazione di cassa, l'azienda ha ridotto il debito da 51 a 16 milioni di euro.

 

«Per la prima volta - ha commentato il presidente e ceo Brunello Cucinelli - abbiamo superato i 500 milioni di euro di fatturato. Vista la bella qualità delle vendite ci aspettiamo ottimi profitti».

 

«Immaginiamo anche per quest'anno una bella crescita a due cifre sia dei ricavi che degli utili», ha prospettato l'imprenditore del cashmere sulla base del sell out dell'inverno 2017/2018 e degli ordini per la primavera-estate 2018 «particolarmente interessanti».

 

Poco dopo le11 il titolo Brunello Cucinelli passa di mano in Borsa a 29,10 euro per azione, in rialzo di quasi due punti percentuali. Gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno aumentato il prezzo obiettivo sulle azioni a 28 euro (da 24,20 euro), confermando il giudizio "hold". Anche per Equita Sim il giudizio è "mantenere", mentre il target price è fissato a 26,5 euro.

 

stats