pitti uomo

Fratelli Rossetti dopo sei anni torna a Firenze e presenta co-ed a Milano

Erano sei anni che Fratelli Rossetti non figurava tra gli espositori di Pitti Uomo. «Il salone - commenta il presidente Diego Rossetti - è sempre di più una vetrina internazionale di prestigio e noi, che abbiamo contribuito alla storia di questa manifestazione, non potevamo più mancare».

 

La scelta di rientrare a Firenze con la collezione maschile si inserisce anche nella strategia volta a unificare le linee uomo e donna durante la fashion week milanese in un unico evento, on schedule il 22 febbraio.

 

Intanto a Firenze il brand svela un’offerta caratterizzata da cuciture a vista con un motivo a zig zag mixate alle infilature colorate, firma dei maestri artigiani della realtà di Parabiago. Il decoro, che gioca con materiali e bicolori, è proposto su una gamma di modelli rappresentativi, dal mocassino Brera alla oxford, dal derby alla sneaker.

 

Sul fronte del business, come informano i fratelli Diego, Dario e Luca (seconda generazione alla guida della società, fondata da Renzo Rossetti nel 1953), «il focus per i prossimi anni resterà l’Europa, il mercato per noi più importante». Attualmente il brand ha all’attivo 26 monomarca e 300 clienti wholesale.

 

stats